Cronologia della Grecia Antica - 6

dal 499 a.C. al 478 a.C.

499 - 493
I popoli della Ionia, istigati da Aristagora tiranno di Mileto, con l'aiuto di Atene ed Eretria, si ribellano e proclamano l'indipendenza, suscitando vivo risentimento in Dario I re dei persiani. La guerra è inevitabile.

498 Eupalinos di Mègara realizza a Samo una galleria stradale sotto il monte Kastro, lunga 1240 metri. Teodoro di Samo, usa per primo due strumenti particolari: la livella e la squadra.

495
Ferve l'arte in Grecia; compare la ceramica rossa e domina su tutti il grande artista Eufronio.

494 Battaglia di Lade: Samo defeziona.

494 Distruzione di Mileto, gli abitanti vengono deportati in Mesopotamia

493
Ad Atene è arconte Temistocle. Milziade, tiranno di Chersoneso, fugge ad Atene per sottrarsi ai persiani.

492 Sparta con Cleomene I sconfigge Egina.

491 - 490 Scoppia la prima guerra greco-persiana. Dario con flotta-esercito occupa l'Eubea, distrugge Eretria, sbarca in Attica ma e' respinto a Maratona dagli ateniesi.

490 A Maratona, Milziade al comando di 10.000 ateniesi, aiutato da 1.000 plateesi, sconfigge 25.000 guerrieri persiani, costringendo il generale Dati ad imbarcarsi dopo aver subito pesanti perdite. In Eubea, i persiani assediano Caristo e bruciano Eretria, deportando la popolazione a Babilonia.

488 Ad Atene, muore Milziade dopo essere stato condannato ad una grossa ammenda per aver subito una sconfitta.

486 Muore in Egitto re Dario I di Persia, recatosi per domare una rivolta, gli succede il figlio Serse che ha un unico obiettivo conquistare la Grecia e regnare su un unico grande regno asiatico come re dei re.

484 Il poeta tragico Eschilo consegue la vittoria negli agoni tragici.

482 Ad Atene, ostracismo contro Aristide, oppositore della politica navale di Temistocle.

481 - 479 II guerra persiana contro Serse. Formazione della Lega ellenica tra Sparta e Atene contro i persiani.

480 Serse, il re dei persiani in vena di riconquista, superati gli stretti, si spinge fino in Tessaglia per colpire Atene. Il primo esercito composto da ateniesi, spartani e plateesi si schierò a sud della Tessaglia di fronte a quello persiano; un tradimento consentì a Serse di aggirare i greci. Al Passo delle Termopili, dopo una battaglia navale al Capo Artemisio, Leonida con 300 spartani si sacrifica per coprire la ritirata dei greci. I persiani occupano temporaneamente Atene. Aristide viene richiamato in patria. A Salamina vittoria navale degli ateniesi, con Temistocle, che si rifanno sui persiani di Serse.

479 I greci, con lo spartano Pausania, sconfiggono le truppe persiane nella battaglia di Platea e la flotta, ancora con Pausania, a Capo Micale; è qui che tramonta per sempre il sogno egemonico dei persiani. Ad Atene, Cimone, figlio di Milziade, è eletto stratego. Operano ad Atene Eufronio (ceramista), il famoso Polignoto pittore, Erodoto (storico) Fidia (scultore), i filosofi Zenone (dialettica), Empedocle, Anassagora e muore Eraclito (ionica).

478 A Delo, Aristide organizza la Lega delio-attica per liberare le città greche dal dominio persiano: raggruppa Atene, l'Eubea, le Cicladi, e le città greche della costa traco-macedone e dell'Asia Minore. Il passaggio dei persiani ad Atene ha lasciato nell'Acropoli la distruzione totale. Ad Atene viene costruito il porto del Pireo.