Cronologia della Grecia Antica - 13

dal 334 a.C. al 322 a.C.

334 Alessandro Magno inizia la guerra contro la Persia, alleandosi con i greci. Vittoria di Granico. Alla partenza per l'Asia, Alessandro affida la Macedonia e la Grecia ad Antipatro.

333 A Isso, Alessandro Magno sconfigge Dario III ultimo re di Persia e dà inizio alla sua decennale campagna in Asia con una marcia di conquista sempre vittoriosa.

332 Alessandro conquista Tiro.

331 Altra sconfitta di Dario III ad Arbela. Alessandro sbaraglia ogni esercito, conquista l'Egitto, spazza via i persiani, rifiuta ogni pace fatta di compromessi, e prosegue vittorioso su Babilonia, Persepoli. Fonda la città di Alessandria in Egitto.

330 Aristotele scrive "Fisica", un testo in 8 volumi, che scomparirà dalla circolazione per 1000 anni, (riapparirà in arabo all'università di Parigi nel XII sec., e sarà per 3 volte bruciato in sommosse cruente). Alessandro Magno ha il progetto di unificazione dell'immenso impero, promuove matrimoni misti (30.000 greci con donne persiane di natali nobili) con lo scopo di fondere etnicamente i popoli, creare un mondo nuovo senza confini.

327 Alessandro Magno, con l'intento di fondere i popoli, sposa Rossane, figlia di Ossiarte satrapo di Battriana.

327 - 325 Alessandro, attraverso deserti, foreste e montagne si spinge in oriente fino alle rive dell'Indo. Fonda città e regni. Ha sempre con se uno stuolo di tecnici, di scienziati, di storici.

326 Alessandro Magno conquista il Punjab. La città di Neapolis, si allea a Roma, mantenendo la sua autonomia di città greca per usi e lingua.

324 Demostene è implicato nello scandalo di Arpalo, per aver favorito la fuga del disonesto tesoriere di Alessandro; condannato a pagare 50 talenti, viene imprigionato perché non dispone tale somma; evade e si rifugia ad Egina e poi a Trezene. Alessandro Magno incoraggia i macedoni a sposare donne persiane e sposa egli stesso Statira, figlia di Dario e poi Parisatide, figlia di Ochos.

323 - 13 giugno. Dopo aver conquistato Grecia, Egitto, l'oriente fino all'Indo (ai confini della Cina) col sogno di "unificare" tutte le razze del mondo in un solo regno, a Babilonia, Alessandro muore miseramente (di febbre) a soli 33 anni.

323 La data della morte di Alessandro diventerà convenzionale per gli storici per la suddivisione della storia della cultura definita dell'età classica e ellenistica. Grandi contrasti seguono per la successione e suddivisione dell'immenso impero dove con vari compromessi si arriverà poi all'istituzione dei diadochi. Demostene rientra trionfalmente ad Atene per riprendere la lotta. Le città greche si ribellano alla Macedonia e iniziano la guerra lamiaca.

323 - 301 I Diadochi (generali di Alessandro Magno) lottano per la divisione dell'impero.

323 - 322 Guerra lamiaca, condotta da atenisi e spartani uniti a fianco di Argo, Elide e Messene, con il sostegno anche dei Tolomei d'Egitto, per sottrarsi alla dominazione macedone.

322 Tutte le speranze degli ateniesi di sottrarsi alla dominazione macedone, vengono troncate nella battaglia di Crannone, dove il vincitore Antipatro impone la consegna dei promotori dell'insurrezione, tra essi vi è Demostene, che fugge nell'isola di Kalauria (Poros) dove, sorpreso dai sicari macedoni nel santuario di Poseidone, si uccide col veleno che portava nello stilo. Ancora una volta Atene perde l'isola di Samo. A Calcide muore Aristotele e lascia a Teofrasto la scuola che aveva fondato nel 335 ad Atene vicino al tempio di Apollo Liceo.