Miti 3000

mitologia
greca

Almanacco
di Mary Falco

MITOLOGIA


DIONISO DIO DELL'EBBREZZA E POI DEL VINO

di Mary Falco


Il mito delle origini dei Traci si confonde con quelle del loro dio più misterioso: Dioniso, uno dei più inquietanti dei dell'Olimpo greco, signore dell'irrazionalità e dell'ebbrezza che gli studiosi di un tempo ritenevano appunto originario della Tracia, regione corrispondente al settore orientale della penisola balcanica, attualmente divisa in Turchia, Grecia, Bulgaria.
Le prime notizie storiche della zona risalgono ad Erodoto: a partire dal VI sec. a.C. infatti, le relazioni fra le tribù di cacciatori seminomadi, ricchi di miniere, foreste e prodotti agricoli di ogni tipo, e le raffinate ma povere città greche eternamente affamate di nuove risorse, s'erano fatte più intense, ora ostili, ora amichevoli, ma sempre comunque vivide di scambi.
Erodoto afferma che Artemide, Ares e Dioniso costituiscono la triade di divinità traciche. Tutte le religioni di ceppo indo-europeo infatti hanno una loro trinità dominante sulle altre forme divine. Il nome di Dioniso si confondeva talvolta con quello del dio Reso, abile cacciatore e guida agli inferi, che percorre a cavallo tutti i Balcani. Tra i due è frequente uno scambio di identità: nella regione dello Strimone si affermava che il nome dell'eroe a cavallo fosse proprio Dioniso, in Grecia si narravano invece le profezie di un eroe di nome Reso, che serviva Bacco sul monte Pangeo, in qualità di sacerdote. Attualmente la teoria ormai classica di un Dioniso di origine tracia è contestata dagli studiosi che lo vorrebbero ancora più antico... ma in realtà la contraddizione è più apparente che reale: le origini dei Traci non sono meno misteriose di quelle del loro dio, il loro dialetto appartiene al gruppo tracio-frigio' come appunto le leggende dei primi riti dionisiaci. Originario o no Dioniso godette in queste terre di un culto appassionato: lo veneravano gli edoniani sul monte Pangeo, i coloni di Anfipoli, i Satri del Rodope, dove si trovava un santuario ancora intensamente frequentato in età cristiana.
L'idea che Dioniso potesse essere una divinità dall'accentuato carattere oracolare è tipica della Tracia, poiché in Grecia questo particolare aspetto era riservato ad Apollo. Non è escluso tuttavia che Dioniso ne rappresenti il "doppio" notturno, secondo la ben nota intuizione nietzchiana, che ha ricevuto in questo molte conferme, soprattutto dagli studi di Jeanmaire.
Greci e Traci si trovavano d'accordo sul fatto che Dioniso proteggesse dalla peste e nel periodo ellenico il Mar Nero pullulava di gruppi dionisiaci organizzati a piccole confraternite.
In questa zona egli era ritenuto molto più importante dello stesso Zeus, che, non dimentichiamolo, gli era padre.

La principessa Semele
Ben nota è la tragedia della principessa di nome Semele, amata dal Dio come tante, che mentre era in felice attesa di suo figlio subì le beffe delle tre sorelle: Ino, Autonoe ed Agave, suscitate dalla gelosia della moglie tradita, Hera, ma forse anche dal fatto che la poveretta era ancora nubile e la gravidanza non recava gran lustro al palazzo. La debole Semele, invece di sopportare in silenzio, concepì il desiderio impudente di esibire il suo amante divino chiedendogli di manifestarsi... questi la accontentò immediatamente, scegliendo la più eclatante delle proprie forme: il fulmine, tanto che Semele, impreparata, ne restò incenerita. Il nascituro non fu minimamente disturbato dalla folgore che si abbatte sulla madre e Zeus decise di concludere da se’ la gestazione, cucendosi il bambino all'interno della coscia.
In seguito Dioniso viene affidato alle tre zie, che avranno modo così di riparare il torto fatto alla sorella occupandosi del fanciullo, non solo come nutrici, ma anche come guardie del corpo: la gelosia di Hera, infatti, non è stata placata dalla morte di Semele e le affettuose zie provvedono a trasferirsi dalla loro città di origine, Tebe, aldilà del mare nell'Eubea, nonché a confondere il vagito del bambino con canti, suoni di flauto, tamburo e cembalo.
L'isola greca del mar Egeo scelta per questa delicata missione è situata verso l'estremo limite orientale, godette di una propria civiltà autonoma già fiorente fin dal VIII sec.a.C. e solo nel 506 a.C. fu conquistata da Atene. Questa sistemazione appoggia per molti aspetti la vecchia tesi del Muller, espressa già agli albori dell'Ottocento, secondo la quale Dioniso corrisponde ad una divinità arcaica precedente ai miti agrari e collegata con l'invasamento puro e la divina mania; attualmente quest'ipotesi è stata rivalutata anche dalle ricerche storiche di E. Rhode. Il termine slavo "zemlia" o il lituano "zemynal, che significano "terra madre", ricordano ancora adesso una divinità di origine frigia di nome "Zemelo", invocata frequentemente nelle iscrizioni tombali. Passando dai miti arcaici alla Grecia, Dioniso acquista sempre maggiore importanza rispetto alla madre e si fa largo l'idea per così dire di "consustanzialità" fra padre e figlio: quest'ultimo infatti non ha sofferto quando la madre è stata folgorata. I Greci lo collegarono spesso al culto frigio di Cibele ed Attis, per il carattere orgiastico di entrambi: come ad essi al Dioniso antico non sono sacri i campi coltivati, ma i boschi ed in modo del tutto particolare il pino e l'edera.

Le feste in onore di Dioniso
La più antica festa tributata a Dioniso consisteva in una danza notturna in una selva sacra, scelta preferibilmente su una montagna, che culminava nel divoramento di un animale vivo predisposto al sacrificio: diasparagmos.
In questa prima fase il parossismo è raggiunto semplicemente con la musica, soprattutto con quella acutissima dei flauti: non c'è nessuna notizia dell’uso del vino o d'altre bevande inebrianti.
Perché Dioniso desidera un sacrificio così cruento? Forse per vendicarsi di Hera, dea del matrimonio inteso soprattutto come ordine imposto dalla società alla natura?
Se di fatto tutta la vicenda di Dioniso si pone fuori da questo ordine, il dio non sembra curarsene in alcun modo, ne’ manifesta desideri di sopraffazione e di vendetta, anzi, appena raggiunta l'età della ragione ed appresa la verità sulla propria nascita scende nell'Ade, riprende sua madre e se la riporta a casa felice e contento.
Questo episodio richiama alla mente un'altra figura, meno lieta e fiduciosa nelle proprie capacità: Orfeo, forse appunto un sacerdote dionisiaco, certo musico e poeta, divorato dalle baccanti stesse in un'orgia, forse per un tragico errore dovuto al parossismo del momento, o forse perché aveva cercato di porre dei limiti alla sacra ebbrezza.
Molto tardiva, certamente alessandrina, la bella leggenda del viaggio nell'oltretomba per salvare Euridice, l'amata sposa defunta.
Al contrario, i misteri orfici nascono per familiarizzare l'uomo col suo destino di creatura mortale, destinata all'oltretomba, non certo per sottrarlo. Il mito di Dioniso accoglie questo aspetto della religione orfica e lo investe di una carica di ottimismo: nessuna divinità può imitare la sua straordinaria facilità di accesso all'Ade... nonché quella di uscirne!

La reincarnazione di Libero
Secondo un'altra leggenda egli non sarebbe altro che la reincarnazione del piccolo Libero, figlio illegittimo di un Giove mortale, tiranno di Creta. Naturalmente, terreno o no, egli ha una moglie gelosa che invia le proprie guardie, i giganteschi Titani, a catturare il bambino, armati di falsi giocattoli sonori. I giganti passano il segno: non solo catturano il bambino, ma lo fanno a pezzi, che cucinano addirittura due volte: prima arrostiti e poi gettati a bollire in pentola (notiamo l'antitesi col diasparagmos!) e se lo mangiano. Assiste, del tutto impotente, la sorellina Atena, che tuttavia non si perde d'animo, perché ha visto che il cuore del fratello è misteriosamente sfuggito allo stano festino. Così, non appena i Titani si allontanano, l'intrepida bambina esce allo scoperto, raccoglie il cuore e lo porta al padre il quale, rivelando poteri decisamente insospettati per un tiranno, sia pure di Creta, fulmina i Titani, raccoglie i pezzi del bambino, rimette a posto il cuore e lo risuscita. Ma non basta: assicura al figlio che questo bizzarro trattamento gli ha conferito l'immortalità. Va rilevato qui lo strano ruolo di Atena, che come Hera dovrebbe essere una garante dell'ordine, ma ne respinge la dimensione "femminista" e preferisce ricorrere all'autorità patema. Atena condivide la verginità e l'abilità guerriera con una altra dea: Artemide-Diana, tanto che per certi aspetti le due figure si confondono; la prima agisce nell'ambito cittadino, garante delle attività artigianali, la seconda è regina dei boschi e signora dell'oltretomba. Entrambe sono in ottimi rapporti col fratello Dioniso. Questa vicenda, ricordata dai giocattoli infantili che i sacerdoti di Dioniso sono soliti usare nelle sue processioni, illumina il diasparagmos di una luce diversa: non più crudeltà gratuita ma assimilazione col dio che per primo è stato fatto a pezzi ed è risuscitato per il bene dell'umanità contro la tirannia di Hera.

Dioniso e Arianna
Dioniso è sopravvissuto e cresce sano, forte e vigoroso nella mitica contrada di Nysa, che i Greci identificarono talvolta con l'Arabia e talvolta con l'alto Nilo.
A questo punto si innamora follemente della principessa Arianna. Purtroppo egli non può ottenere legalmente la sua mano, non potendo vantare regni terreni, in compenso, da quando vi è sceso per ricuperare sua madre, è signore incontrastato dell'Ade. Dunque, per far bella figura con la sua fidanzata, pensa bene di farla uccidere dalla fida sorellina Artemide che, in qualità di dea dei boschi, maneggia molto bene arco e frecce. La triade femminile che il mito dionisiaco trae dalle più remote origini indoeuropee, già suggerito dalla presenza delle tre zie nutrici, si ripropone ora nella piena maturità di Dioniso per garantirgli la gioia: Semele, dea della terra. Artemide, dei boschi, Arianna signora degli alberi da frutta.
Secondo una versione più tardiva Arianna era la figlia del tiranno di Creta, sorella del Minotauro, che aveva contribuito ad uccidere per amore di Teseo, il quale però l'aveva ben presto abbandonata. Qui la figura di Dioniso che trasforma la sposa infelice in una dea è decisamente più simpatica. Il risultato comunque è lo stesso, perché la sposa si porta in dote un bel bagaglio di frutta: uva, fichi, olive...
Non sono piante citate a caso e meno ancora è un caso quello che porta al Dioniso greco questo pesante bottino agricolo, completamente sconosciuto al più antico dio dei Traci.

La terra d'Attica
A differenza delle mitiche contrade in cui si svolge la vicenda dionisiaca, che gira tutt'intorno alla Grecia senza toccarla, la terra d'Attica è povera e spoglia. Il suo clima è fra i più miti del Mediterraneo, ma la terra fertile, cioè ragionevolmente umida, è ben poca e divorata dalla salsedine: le montagne che proteggono dall'aria del mare... frenano anche la pioggia. Potrebbe mantenere al massimo 100.000 persone, mentre, allo scoppio della guerra del Peloponneso, la popolazione greca si aggira attorno alle 300.000 unità! La vecchia gloria di Atene, di essere abitata dagli unici Ionici che avessero saputo resistere alla conquista dorica, nasconde molto probabilmente una ben più modesta realtà: al tempi delle invasioni doriche l'Attica non valeva il disturbo di intraprendere una campagna d'armi!
Delle tre piante su cui si fonda tutta l'economia agricola dell'Attica, piante che i Greci vogliono sacre a Dioniso, solo il fico è originario. La piantagione su larga scala dell'ulivo e della vite rappresenta, già nell'VIII sec.a.C. secondo gli studi dell'Hyams, un tentativo di "intervento ecologico" su un territorio dal manto forestale ormai gravemente compromesso dall'indiscriminato abbattimento di alberi per la costruzione di navi. D'altra parte, anche coltivando viti ed ulivi, l'economia dell'Attica continua ad essere fondamentalmente artigianale e commerciale: si vendono vini ad alta gradazione alcolica (il clima eleva il tenore zuccherino) ed olio in cambio del grano che non si può produrre. Che cosa significa dunque dire che Dioniso, già figlio di Semele ed opposto rispetto all'ordine costituito, diventi anche il signore di quelle piante che permettono alla Grecia di affrancarsi dall'incubo della fame?
Il suo rapporto con l'ordine sociale si fa sempre più ambiguo, dato che ne diviene, se non certo il custode, in qualche modo il garante: senza l'olio ed il vino la raffinata e colta civiltà greca non esisterebbe neppure.

Dioniso e le altre divinità
Ecco dunque farsi strada, in epoca ellenistica, un rapporto fra Dioniso ed Osiride, che era già stato suggerito da Erodoto (V sec. a. C.).
Il dio diventa figlio assolutamente legittimo di Zeus e di Hera, nonché il marito della dea egiziana Iside, insieme alla quale si dedica ad un'importante opera di civilizzazione: insegna all'uomo a coltivare la vite ed il grano, mettendo fine all'antropofagia che affliggeva il popolo affamato. Il miracolo può avvenire soltanto perché, con l'avvento della civiltà romana, alla figura di Hera si è sovrapposta quella di un'altra dea-moglie: Giunone.
A differenza di tante divinità ereditate passivamente dall'Olimpo greco, quest'ultima non è affatto la copia esatta di Hera, ma una divinità autoctona del mondo latino, con molti contatti con la civiltà etrusca. E' vestita di pelle di capra, animale che le resterà sacro, ed è rappresentata armata di asta e serpente. Garantisce la sacralità del matrimonio, tanto da essere considerata la dea pronuba per eccellenza, ma presso i Romani l'ordine rappresentato dalla famiglia è soprattutto espresso da una sana prolificità.
Giunone raccomanda la castità alle mogli, ma non pensa neppure per un attimo di potersi arrogare il diritto di punire le infedeltà di suo marito; al contrario: ella ha nel confronti di tutti i mortali, compresi gli innumerevoli figli illegittimi che Giove semina qua e là, un atteggiamento dolcemente materno che le vale il titolo di Sospita (Ausiliatrice) nonché Madre e Regina. La nuova Hera-Giunone ricorda molto da vicino Semele e solo per questo può essere considerata madre di Dioniso. Anche il figlio cambia nome: Bacco, che godrà di maggior popolarità rispetto a Dioniso, deriva dal verbo "basein" chiacchierare, farneticare, ed è strettamente legato all'ebbrezza causata dal vino, di cui ora il Dio è il signore assoluto. Negli ultimi secoli dell'impero, che poi sono i primi dell'era cristiana, i gruppi di baccanti, che si riunivano periodicamente l'uno in casa dell'altro a celebrare banchetti sacri, sono forse i più tenaci antagonisti del cristianesimo stesso. Non perché lo contestino, sia ben chiaro, ma perché hanno la stessa apertura alle classi povere e più o meno gli stessi riti, l'unica differenza sostanziale è che non rifiutano d'adorare l'imperatore.
Col passar del tempo infatti il culto s'è evoluto in forme sempre più serene anche laddove il Dio continua a non essere conosciuto come divinità agricola, come appunto nella zona balcanica.
Qui il suo mito si confonde con quello del grande Alessandro, definito, in vita, come "novello Dioniso". Molte imprese di remote memoria alessandrina sono attribuire dalla leggenda a Dioniso, che percorre coi suoi seguaci le selve e regala ai più devoti una grande pace, in tutto simile all'estasi concessa dal dio indiano Krsna. Non solo dunque scompare lo spaventoso sacrificio dell'animale divorato vivo, ma in genere, come appunto nella civiltà indiana, si rinuncia alla carne: durante l'estasi, come ci comunica Platone non senza una punta di sarcasmo, le baccanti vivono di acqua dei fiumi e credono di nutrirsi di latte e di miele.
Nell'immortale tragedia di Euripide i canti e i balli portano appunto ad un'estasi divina di tipo assolutamente mistico ed è solo la comparsa dell’elemento disturbatore, lo scettico Penteo, a risvegliare nelle donne reminiscenze bestiali portandole a consumare sull’uomo l’antico sacrificio, per cui non era stato preparato nessun animale, il che vuol dire che già ai tempi d’Euripide (407 a.C.) il sacrificio era solo un lontano ricordo.
Comunque anche quando c’era il diasparagmos s’identificava con un rifiuto dell’ordine inteso non come barriera contro la violenza, ma, al contrario, come il più sottile ed insidioso degli elementi sobillatori. Se le baccanti divorano un animale sono i Titani che si divertono a cucinare un bambino!
Pertanto i devoti di Dioniso non cucineranno affatto, almeno per la durata del rito: si nutriranno di acqua, miele selvatico, latte o carne cruda… a secondo di quanto porta il Fato, che per i Greci non è mai caso, ma al contrario espressione di un ordine intrinseco molto affine al concetto indiano di Karma.

Mary Falco


Scrivici
Scrivi la tua

26.09.2005 Mitologia
Gentilissima redazione di Mondogreco, poiche' sto preparando la tesi di laurea sul mito di Bacco, mi farebbe piacere ricevere maggiori notizie su dio Bacco e se e possibile avere anche qualche incisione relativa al dio
Daniela Roberto - Salerno

13/04/2005 - Time: 11:06:11
Sto preparando la tesina per la maturita' di fine anno.
L'argomento e' un viaggio in India partendo dalla Grecia attraverso il mito di Dioniso e il percorso che fece per diffondere la cultura del vino e co. Vorrei un aiuto da persone interessate per trovare citta' o siti interessanti per un ipotetico tour attraverso Turchia, Iran, Pakistan e India. Attendo risposta. intanto cordiali saluti.
Messaggio inviato da Manuela