MONDOGRECO LIBRI
Mario La Ferla,
«L’uomo di Atlantide» (vita, morte e misteri dell’archeologo di Santorini)
Ed. Eretica, 122 pagine, 9 €

di Francesco De Palo


Chi ha ucciso Spyridion Marinatos? Perché nessuno parla più dell’archeologo che coltivava il sogno di dissotterrare la poderosa Atlantide? Sono alcuni dei numerosissimi interrogativi sollevati dal giornalista- scrittore Mario La Ferla in un autentico viaggio nient’affatto monotono, che spazia tra archeologia e politica, passando dal regime dei Colonnelli greci, legato alle vicissitudini di Papadopoulos, Papandreu, Karamanlis, a scoperte che attrassero a Santorini personaggi del calibro di Wernher von Braun, padre del progetto Saturno, che mandò sulla luna la navicella spaziale Apollo, o lo scrittore Arthur C. Clarke, diventato famoso perché il suo libro ‘The exploration of Space’ suscitò l’interesse del presidente John Kennedy, il quale dette il ‘la’ all’attività spaziale statunitense realizzata proprio da von Braun.
Il libro suscita nel lettore legittimi interessi, chiedendosi come mai Marinatos, dall’alto della sua posizione scientifica (diventò sotto Papadopoulos direttore responsabile dei musei archeologici di tutta la Grecia) non si sia meritato nemmeno una sepoltura degna di questo nome o l’intitolazione di una qualche strada o museo. Il suo corpo infatti, dopo la morte avvenuta ad Akrotiri il primo ottobre del 1974, fu deposto nella stanza numero 16 del Palazzo Delta, in via Telchines, dove stava lavorando: venne lì costruito un muro di cemento e il corpo in seguito scomparve senza un apparente motivo. Perché d’improvviso, l’archeologo che aveva scoperto l’antica città minoica a Santorini, non meritava né attestati di stima né riconoscimenti post mortem?
Un viaggio alla scoperta delle amicizie di Marinatos, nella Grecia traumatizzata dal passaggio generazionale / politico, prima e dopo i colonnelli, transitando per vicissitudini legate al gruppo terroristico del “17 novembre”. Un’analisi documentata e oggettiva, ricca di citazioni bibliografiche e risvolti internazionali, per sviscerare un autentico giallo ellenico ancora irrisolto, impregnato di tramonti mozzafiato e dell’immancabile folklore greco: tipico marchio di una civiltà mistica, che ha fatto da patria alla filosofia, facendo sognare appassionati e semplici individui richiamati, come girasoli, da una sfera fluorescente irta sul cielo di Santorini. Dov’è Atlantide?

Francesco De Palo
Bari, 24 febbraio 2004

Acquista questo libro

Un cercatore di tesori che amava la Grecia

Libri di Mario La Ferla