Stampa

Naufragio dell'Oria: commemorazione del 71o anniversario

Scritto da Redazione on . Postato in News

Il 12 febbraio, al chilometro 60 della strada statale Atene-Sunio di fronte all’isolotto di Patroklos luogo ove avvenne il naufragio il 12 febbraio del 1944, si è svolta una breve cerimonia presso il Monumento dedicato ai Caduti del piroscafo Oria in commemorazione del 71° anniversario dalla tragedia. La cerimonia è stata presenziata dal Col. Antonio Albanese, addetto per la Difesa presso l’Ambasciata d’Italia in Grecia.
 
L’"Oria" era partito da Rodi con 43 ufficiali, 118 sottufficiali, e 3885 graduati e militari italiani. Il Piroscafo navigando sotto costa, si andò ad infrangere per le avverse condizioni meteorologiche contro gli scogli dell’isolotto e solo pochi ebbero la possibilità di salvarsi. Dopo il naufragio, ne furono tratti in salvo 21, assieme a 6 tedeschi e a un greco; costò la vita a oltre 4mila soldati italiani.
 
I Caduti erano tra coloro che non aderirono al nazismo e alla Repubblica Sociale Italiana dopo l’armistizio dell’8 settembre 1943 e provenivamo dai campi di internamento di Rodi. Prigionieri, diretti verso i campi di concentramento in Germania, come tanti altri militari che subirono la medesima sorte.
 
Il luogo del naufragio è considerato, secondo la convezione dell’UNESCO, Sacrario del Mare, custode dei resti mortali di chi è ivi sepolto e riposa. Nei Sacrari del Mare presenti nei mari della Grecia riposano circa 15.000 nostri soldati per affondamento di navi. Di molte di queste, ancora non sono stati ritrovati elenchi delle persone imbarcate, qualora esistenti. La cerimonia si è chiusa con la deposizione di una corona di alloro. 
 
Fonte: Aise del 15/2/15

Comments:

Mondogreco sui Social Media

seguici su questi network

facebook twitter google+