Stampa

Finalmente i greci di Bari hanno una chiesa, nel giorno di San Nicola

Scritto da Francesco De Palo on . Postato in Culture

Il Santo di tutti: del mare, della solidarietà, del dialogo e di quella terra così profumata di oriente che si chiama Puglia, dove un molo naturale piazzato lì nel Mare Nostrum, da secoli è crocevia di incontri, visioni e passioni. Perno di storie e di popoli.

 GUARDA L'INTERVISTA AL METROPOLITA DI VENEZIA, GENNADIOS

 San Nicola unisce e stavolta ad iniziare un nuovo percorso sono i greci di Bari, a cui l'Arcivescovo Francesco Cacucci ha donato la Chiesa del Sacro Cuore. Per l'occasione è giunto in Puglia il Patriarca Ortodosso di Costantinopoli, Bartolomeo I (assieme al metropolita di Venezia e regista dell'operazione Gennadios Zervos) che ha omaggiato i giorni dedicati al santo nicolaiano con preghiere comuni e momenti di sincero ecumenismo.

La portata dell'evento è stata significativa, come dimostra la presenza a Bari di Mons. Kevin Farrell, (foto in basso a destra) primo prefetto del Dicastero per i laici, famiglia e vita di fresca nomina da parte di Papa Francesco.

Il Patriarca ha prima preso parte ai vespri, dinanzi alle autorità cittadine ed alla comunità ellenica di Bari. Poi, dopo i discorsi di rito, ha benedetto il passaggio di consegne, con la firma della cessione della chiesa da mons. Cacucci a Sua Eminenza Gennadios. Si tratta di un obiettivo a lungo inseguito dalla Comunità ellenica di Bari, che grazie al supporto della Chiesa ortodossa e del Consolato greco a Bari, è riuscita nell'intento di avere una casa spirituale per i greci di Bari.

CLICCARE QUI PER L'INTERVISTA AL CONSOLE GRECO

“San Nicola dopo la Vergine è il santo più venerato nel mondo – ha osservato il Patriarca – E se il rapporto dei fedeli ortodossi con lui è confidenziale da un lato, è evidente e palese dall'altro dal momento che nel mondo sono moltissime le chiese a lui consacrate”.


Secondo il Console onorario di Grecia a Bari Stelio Campanale “questo è un giorno storico, perché finalmente dopo 60 anni una comunità intera può giovarsi di un luogo intimo di culto dove pregare e ritrovarsi dinanzi a Dio”. Soddisfatto Giovanni Grittani, Presidente della Comunità ellenica barese, secondo cui “lo sforzo di tanti ha prodotto uno splendido risultato per tutti”.

E Mons. Cacucci ha osservato che “oggi sento di dirvi che la Chiesa non appartiene ai cattolici o agli ortodossi, ma a Dio ed è questo un piccolo gesto per continuare il grande viaggio verso l'unità”.

In precedenza a Bartolomeo era stato conferito il premio «San Nicola» da parte della Facoltà Teologica Pugliese. C'è anche un messaggio ufficiale da parte di Papa Francesco: “Desidero unirmi spiritualmente al carissimo fratello Bartolomeo nella venerazione del Santo Vescovo di Myra Nicola, le cui reliquie sono custodite a Bari da quasi mille anni, affidando alla intercessione di questo Pastore tanto amato in Oriente e in Occidente la nostra preghiera per il desiderato raggiungimento della piena unità dei cristiani”.

(Nella foto in basso a sinistra il nuovo parroco della chiesa ortodossa di Bari, pater Serafeim con il direttore di Mondogreco)

twitter@FDepalo

Comments:

Mondogreco sui Social Media

seguici su questi network

facebook twitter google+