Stampa

Staikouras: il ritardo nelle trattative con i creditori costa alla Grecia 5 miliardi

Scritto da Leone Protomastro on . Postato in Crisis

"Il completamento della valutazione è un risultato positivo, ma il ritardo nella chiusura è costato all'economia greca più di 5 miliardi e nuove misure di austerità, senza peraltro che Atene sia entrata nel programma quantitative easing della Banca centrale europea”. Lo ha detto sull'emittente Skai il responsabile economia di Nea Dimokratia, Christos Staikouras.

 

 

In vista del dibattito sulla trattativa con i creditori che si svolgerà in Parlamento, ha aggiunto, “se il governo fosse stato coerente avrebbe ricevuto dal programma attuale 22,9 miliardi invece ne ha portati a casa solo 8,5 miliardi”. E contando che ne dovrà restituire 7, ecco che ne restano solo 1,6.

 

L'ex viceministro ha sottolineato che il prossimo governo dovrebbe far "funzionare" i cambiamenti strutturali, e ha stimato che è possibile integrare il mix di politiche legate all'austerità presenti nel programma in corso, grazie a ragionevoli riduzioni delle aliquote d'imposta e al supporto di liquidità immediata.

 

twitter@mondogreco

Comments:

Articoli simili

Mondogreco sui Social Media

seguici su questi network

facebook twitter google+