Stampa

Cosa si sta preparando alla voce difesa per la visita di Macron ad Atene

Scritto da Giorgio Fthia on . Postato in Crisis

Economia, energia, infrastrutture, turismo, start-up, difesa. Sono i sei dossier al centro del bilaterale tra Tsipras e Macron in occasione della visita ad Atene del Presidente francese. A cui si somma il canale aperto recentemente con Bruno Le Maire, il ministro delle finanze di Parigi che sta incarnando il ruolo di anti Schaeuble nello scacchiere europeo.

E che, in vista dell'Eurogruppo in programma il prossimo 15 settembre, potrebbe essere una voce pro Grecia nella partita per il debito ellenico (che si preannuncia ancora molto complessa, nonostante dichiarazioni di ottimismo).

Gli investimenti francesi sono considerati i benvenuti in Grecia, ma saranno da valutare anche in base all'elevata tassazione che il memorandum della troika ha imposto. Ad esempio nel settore della difesa la parte del leone la fa ancora Berlino, con carri armati, cingolati e mezzi militari, (senza dimenticare gli scandali legati alle tangenti per le forniture di armi) anche se Parigi spinge per promuovere la modernizzazione del suo caccia Mirage.

Proprio Berlino e Parigi sui caccia stanno dialogando, e parecchio. E'del 13 luglio scorso infatti l'annuncio congiunto di Angela Merkel ed Emmanuel Macron della costruzione di un nuovo aeroplano da combattimento: l'obiettivo per Germania e Francia è il rinnovo del parco di velivoli d’attacco come Typhoon, Rafale, Mirage 2000, Tornado, Gripen, F-18, probabilmente per bypassare il caos legato agli F35.

E la Grecia? Come procederà nel rinnovare il proprio parco di F16? Ci sarà un legame tra i prossimi passi da compiere nella direzione del debito e quelli legati ai nuovi investimenti (e contratti milionari) legati alla difesa?

 

 

Comments:

Articoli simili

Mondogreco sui Social Media

seguici su questi network

facebook twitter google+