Stampa

Kammenos: ecco perché Grecia e Turchia sono molto vicine ad uno scontro

Scritto da Redazione on . Postato in Crisis

 Vicine, anzi, vicinissime ad uno scontro fatale. Grecia e Turchia ad un passo dall'inciente questa volta. Lo ha detto il ministro della Difesa di Atene Panos Kammenos a Bucarest, e non solo in riferimento ai due militari greci detenuti nelle prigioni turche. Dalle colonne del giornale francese Liberation ha aggiunto elementi ad un quadro in verità noto già da tempo.

 

"La Grecia è molto vicina a un incidente fatale con la Turchia - ha detto - quando lo spazio aereo viene violato, noi mandiamo i nostri aeroplani ad accompagnare gli aerei turchi fuori dal nostro spazio”.

Secondo Kammenos la Grecia è sostanzialmente in balia di un incidente che può accadere in qualsiasi momento, violando le acque territoriali e lo spazio aereo. In questo modo Ankara sta anche cercando di fare pressione sull'Europa, per cui, aggiunge, "siamo obbligati a difendere il nostro territorio, che non è solo greco, ma anche europeo".

Secondo il ministro, la Turchia esercita una pressione reale sulla Grecia. In un anno le violazioni delle acque territoriali sono aumentate del 450%, mentre lo spazio aereo del 48%. "La spiegazione sta nella situazione in Siria e nel conflitto con i curdi. I turchi stanno affrontando molti problemi nell'accampamento di Afrina e stanno cercando di estorcere tensioni in Grecia”.  

Ha poi definito "ostaggi" i due militari ellenici fermati dalla Turchia dopo aver attraversato accidentalmente il confine tra i due paesi: sono attualmente detenuti in attesa di capire il capo di imputazione e gli eventuali sviluppi giudiziari, anche se Ankara pala apertamente di spionaggio.

twitter@mondogreco

 

Comments:

Mondogreco sui Social Media

seguici su questi network

facebook twitter google+