Stampa

Promesse, annunci, numeri: come sta davvero in salute la Grecia?

Scritto da Giorgio Fthia on . Postato in Crisis

Da un lato il premier greco dice che il paese è vicino alla liberazione dalla sorveglianza, quindi dalla troika dopo gli anni nefasti della crisi economica. Dall'altro il debito pubblico che aumenta in Grecia. Lecito chiedersi: dove sta la verità?

 

 

Tsipras dice che il paese è a fine percorso di "stretta sorveglianza" da creditori ma nonostante l'evidente sforzo di riforma degli ultimi anni, la Grecia non sembra invertire il profilo prestazionale degli indicatori di competitività. In occasione della proposta per uno shock positivo sugli investimenti per l'economia greca sono stati diffusi numeri secondo cui il paese non è ancora in grado di coprire i 100 miliardi di deficit di investimenti creati cumulativamente nel 2009-17.

In particolare, la Grecia ha perso 16 posizioni nel World Economic Forum - Competitiveness Index nel periodo 2008-2016 - è al 28 ° posto rispetto ai 28 paesi dell'UE. Ha perso 6 posizioni nell'indice Doing Business della Banca Mondiale nel 2016/2017, mentre è al 27 ° posto tra i 28 paesi dell'UE.

Di contro il governo festeggia: ha registrato un avanzo primario del 4 per cento del Pil, 7,080 miliardi di euro nel 2017, da un avanzo del 3,9 per cento o di 6,709 miliardi di euro nel 2016.

Ma il debito pubblico greco aumenta: ammonta a 317,407 miliardi di euro nel 2017 (178,6 per cento del Pil), da 315,009 miliardi di euro (180,8 per cento del Pil) nel 2016.

 

twitter@mondogreco

Comments:

Mondogreco sui Social Media

seguici su questi network

facebook twitter google+