Stampa

Dal Fondo Monetario Internazionale altre nubi sui conti ellenici

Scritto da Giorgio Fthia on . Postato in Crisis

“Nonostante la sua duratura stabilità economica, la Grecia rimane un paese a vulnerabilità elevata e con una disciplina di pagamento debole”. Così il primo report post uscita della Grecia dal prestiti redatto dal Fondo Monetario Internazionale fa una radiografia allo stato di salute dei conti ellenici.

 

E osserva che a la Grecia è ora entrata in un periodo di crescita economica che la colloca tra le migliori performance nella zona euro. “Ma adesso serve perseverare negli sforzi per affrontare i lasciti delle crisi e perseguire le necessarie riforme per assicurare un successo continuo”.

Il problema però si chiama urne: il Fmi vede numerosi rischi derivanti dalle pressioni esercitate dalle elezioni per la politica, come il forte rialzo del salario minimo e il rinnovo dei contratti collettivi, che “contribuiscono a stimolare i redditi, ma aumentano anche i costi e riducono le capacità delle imprese di rispondere alle mutevoli condizioni del mercato, che a loro volta rappresentano dei rischi per l'occupazione e la competitività”.

E aggiunge che “dal lato esterno, vediamo i rischi derivanti da un potenziale inasprimento delle condizioni finanziarie globali o un ulteriore rallentamento della crescita nell'Ue o nei mercati emergenti”.

twitter@mondogreco

Comments: