Stampa

Ieri le foibe oggi i siriani: Erdogan come Tito? De Palo su Radio Inblu

Scritto da Redazione on . Postato in Crisis

Ieri le foibe oggi i siriani. Erdogan come Tito: tutto gli è permesso. Così il direttore di Mondogreco, Francesco De Palo, intervenendo alla trasmissione Buongiorno in Blu condotta da Chiara Placenti su Radio InBlu a proposito della crisi dei migranti in corso a Evros. (Ecco il link, minuto 17)

 

 

“Come al Maresciallo Tito fu concesso, in piena e lugubre libertà, di fare la pulizia etnica con le foibe – ha osservato De Palo- perché nel frattempo diventato nemico dell'Urss, così al presidente turco è permesso oggi di stravolgere l'alleanza con i curdi in chiave anti Isis e di mandare al macello i siriani nei suoi lager, che spinge verso Evros. L'Ue si trova alle prese con una vera e propria guerra, condotta da Ankara con carni e gambe di chi viene usato come clava solo per ottenere altri fondi. L'unica voce di merito è stata ieri quella della Cancelliera tedesca Angela Merkel, che a Erdogan ha detto che è inaccettabile che avvenga alle spalle dei profughi con riferimento alle richiste turche di sostengno. L'Italia di nuovo assente.”

 E ha aggiunto: “I migranti sono solo uno degli strumenti usati dal governo turco per legittimare la propria supremazia nella macro regione e cavallo tra due quadranti assolutamente strategici come quello euromediterraneo e quello mediorentale. E gli scontri alla frontiera turca rappresentano la plastica raffigurazione di uno scenario che, in Grecia, è totalmente mutato anche per vie delle nuove interlocuzioni internazionali di Atene con Washington e Parigi. C'è evidentemente una sottile linea rossa che accomuna la crisi dei migranti, il trattato siglato con Al Serraj per la delimitazione marittima, gli sconfinamenti aerei degli F-16 sui cieli ellenici e le perforazioni illegali nelle acque di Cipro a caccia di gas. E'la profondità strategica approntata dal governo turco. E oggi a Evros, al confine ellino turco, ci sarà una sorta di passerella dei vertici Ue. Ma oltre le strette di mano possiamo sperare anche in visione e lungimiranza?”

 

twitter@mondogreco

Comments:

Mondogreco sui Social Media

seguici su questi network

facebook twitter google+