Stampa

Caccia turchi provocano velivolo con a bordo il ministro della Difesa greco

Scritto da Paolo Falliro on . Postato in Crisis

Ferma condanna per l'ennesimo increscioso episodio contro le istituzioni greche da parte di mezzi militari turchi è stata espressa oggi dal Ministero degli esteri di Atene.

 

 

Ieri l'elicottero Chinook sul quale viaggiavano il ministro della Difesa Nikos Panagiotopoulos (che ha subito commentato di non temere le sfide turche) e il Capo di stato maggiore, generale Konstantinos Flokros, è stato infastidito da du F-16 turchi mentre si spostava dall'isolotto di Oinousses ad Agathonissi e Farmakonissi. 

"Condanniamo fermamente le molestie provocatorie da parte degli elicotteri turchi - ha commentato il dicastero guidato da Nikos Dendias - si tratta di un'altra inaccettabile azione turca. Un'azione che conferma ancora una volta il ruolo negativo che la Turchia svolge nella regione, insistendo sulle percezioni anacronistiche delle relazioni internazionali e su una delinquenza in stallo. Chiediamo alla Turchia di entrare nel 21mo secolo seguendo l'esempio della Grecia e di altri paesi della regione che hanno lavorato in modo costruttivo nel quadro delle norme di buon vicinato, rispettando e non violando sistematicamente il diritto internazionale".

 Ankara replica con un commento diffuso da parte del Ministero degli Esteri volto a non drammatizzare i voli di routine.

twitter@mondogreco 

 

 

Comments:

Mondogreco sui Social Media

seguici su questi network

facebook twitter google+