Stampa

Regole uguali per paesi diversi. Come non si chiude la crisi greca? De Palo a San Martino Siccomario

Scritto da Redazione on . Postato in Crisis

Si parlerà di Grecia e di Europa sabato prossimo in provincia di Pavia, a San Martino Siccomario. Il direttore di Mondogreco Francesco De Palo sarà ospite dell'amministrazione comunale per raccontare la crisi greca alla luce del suo pamphlet "Greco eroe d'Europa" (Albegg ed.). 

 

Regole uguali per paesi diversi. Come “non” si chiude la crisi greca dopo 4 memorandum? Come possono gli scandali che hanno interessato la Grecia, la Lista Lagarde, le tangenti Siemens e Tyssen e da ultimo il caso Novartis, intrecciarsi con il maxi buco del debito ellenico e conti che ancora non tornano? E ancora: quali le prospettive europee in questo 2017 che si preannuncia a forte rischio instabilità con le tornate elettorali in Francia, Germania, Italia e si dice anche in Grecia?

Proverà a dare qualche risposta sabato 14 gennaio il giornalista Francesco De Palo, autore del volume “Greco – eroe d'Europa” (Albeggi ed.) in occasione dell'incontro promosso presso il Comune di San Martino Siccomario (PV) alle ore 18.00 (Sala Calabresi Via Neruda 1) organizzato dall'Amministrazione Comunale di San Martino Siccomario, dalla Proloco Sicut Mare e con il patrocinio dell'Ambasciata di Grecia a Roma.

“Vogliono relegarlo a passato da sotterrare, a cosa di cui vergognarsi. Invece il caso greco non è archiviato, né risolto. E’ lì che peggiora, ogni giorno, nella sua tragica interezza – osserva De Palo, direttore del magazine Mondogreco e firma di esteri per varie testate italiane straniere - La Grecia affonda ancora, nel silenzio generale, con numeri che non tornano, con riforme solo sulla carta, con prestiti concessi a chi non è solvente, con favori ai soliti amici (anche stranieri) e prospettive magre che fanno moltiplicare la fuga di giovani e professionisti di mezz’età, con famiglia al seguito”.

Il macro dato relativo a un quarto della popolazione greca sprovvista della copertura sanitaria in questo inverno che ha fatto segnare nel Paese temperature anche al di sotto dei 10 gradi sottozero, deve far riflettere. Secondo De Palo “il grande successo dell’euro limita i danni solo grazie allo sforzo di cooperanti, volontari anche italiani: lodevoli iniziative sporadiche che non riescono però, da sole, ad affrontare le immense fatiche di Ercole che sono ancora davanti alla strada del Paese che, con tutti i limiti e i disservizi che accusa, non sembra vedere la fine del tunnel”.

E aggiunge: “Possibile che solo il malcostume ellenico abbia prodotto la voragine finanziaria che è sotto gli occhi di tutti? Possibile che i grandi scandali che hanno investito il Paese non siano anch'essi parte del problema? Proprio in questi giorni in Grecia è scoppiato il caso Novartis, con un presunto giro di tangenti legate alla multinazionale farmaceutica che ha coinvolto 4000 persone, tra medici e manager, con finanche gli agenti dell'Fbi presenti ad Atene per le indagini del caso. Un altro dolente fatto di cronaca che, dopo la Lista Lagarde e i casi delle tangenti Siemens e Tyssen per sottomarini e carri armati, si intreccia in un cerchio perverso. Con sullo sfondo la solitudine del Paese che deve anche affrontare l'emergenza migranti”.

  

L'autore

Francesco De Palo - Giornalista, scrittore, ghostwriter. Classe ’76, barese, laureato in Giurisprudenza. Ha scritto e scrive di politica estera da freelance per varie testate (Il Giornale, Il Fatto Quotidiano, Left, Formiche, Osservatorio Balcani e Caucaso, Il Calendario del Popolo, Il Corriere del Ticino, Logos). Ha fondato e dirige il magazine Mondogreco.net e il mensile Prima di tutto Italiani.

E'autore di Onde-diario di un immigrato sullo ius soli (Aletti ed. 2011) e di Greco-eroe d’Europa (Albeggi ed. 2014) sulla crisi greca, con cui ha vinto il premio Alexandria Scriptori Festival 2014. Nel 2015 il Ministero degli Affari Esteri italiano e l’Istituto Italiano di Cultura di Atene lo hanno ritenuto meritevole di essere tradotto in lingua greca per fini sociali e culturali.

Parla il greco moderno e dal 2011 ha seguito in loco le elezioni greche e la crisi finanziaria ellenica, tema di cui è chiamato a discutere in qualità di opinionista in trasmissioni radiofoniche e televisive (Unomattina, Gr1, Radio 3, Funkhaus Europa, Radio In Blu, Radio Vaticana).

Una sua inchiesta sulla Lista Lagarde, pubblicata dal Fatto nel 2012, è stata messa agli atti del Parlamento ellenico dall’apposita Commissione d’Inchiesta. E' membro onorario della Società di Studi Cipriologici di Nicosia e dal 2016 Cavaliere dell'Ordine “Al merito della Repubblica Italiana”.

 

 

 

 

 

Comments:

Mondogreco sui Social Media

seguici su questi network

facebook twitter google+