Stampa

La crisi greca? Sta per esplodere di nuovo. De Palo a Radio Vaticana

Scritto da Redazione on . Postato in Crisis

Dopo sette anni di austerity e nonostante la Commissione europea preveda per il 2017 una crescita del 2,7%, la Grecia continua ad essere travolta dalla crisi economica e sociale. Il direttore di MondoGreco Francesco De Palo ne ha parlato ieri su Radio Vaticana, ospite di Emanuela Campanile. (Clicca qui per l'audio integrale).

 

 "Il caso greco non è risolto e tanto meno archiviato" spiega Francesco De Palo, direttore di Mondo Greco Magazine, che così continua : "la ricetta non ce l'ha nessuno, ma possiamo certificare che la medicina somministrata dalla Troika non ha sanato il paziente ma, al contrario, lo sta lentamente uccidendo. Per fortuna - aggiunge - nonostante molte siano le riforme del governo Tsipras rimaste sulla carta, il mercato turistico regge e l'aiuto dei tanti cooperanti italiani sta dando una mano consistenza all' infrastruttura sociale del Paese. Purtroppo, quello che si dimentica - conclude De Palo - è che la Grecia è una nazione peculiare in cui la geopolitica ha avuto, e ha tuttora, un peso notevole, a partire dalla crisi con la Turchia e dal grande problema dell'immigrazione".

In questo quadro complesso che non dovrebbe permettere facili e superficiali paragoni con altri Stati che stanno affrontando le riforme e l'austerità uscendo dalla crisi con molta meno fatica (un esempio su tutti, la Spagna), fondamentale è la collaborazione Caritas Italia - Caritas Hellas. "Dal 2012, culmine della crisi - racconta Danilo Feliciangeli, referente progetti Caritas nel Paese ellenico - abbiamo cominciato con la distribuzione di aiuti alimentari. Oggi abbiamo ampliato i nostri progetti alla cura sanitaria e al sostegno di famiglie nel loro quotidiano. E' una piccola goccia - chiosa - ma è quello che possiamo fare in una nazione dove la povertà è pari al 30% della popolazione".

 

 

Comments:

Articoli simili

Mondogreco sui Social Media

seguici su questi network

facebook twitter google+