Stampa

Perché il governo Syriza non vuole la privatizzazione di Larco

Scritto da Giorgio Fthia on . Postato in Crisis

Visita alla fabbrica Larco in località Larymna oggi per il ministro dell'Ambiente e dell'Energia, George Stathakis. E'l'occasione per tornare a parlare del dossier privatizzazioni, altra nota dolente nei confronti della troika alla luce dei risultati ottenuti, rispetto alle aspettative presenti nel memorandum firmato da Tsipras dopo il referendum del 2015.

 

Il ministro ha sottolineato che la posizione del governo è quella di proteggere la natura pubblica di Larco, quindi chiude a qualsiasi scenario di privatizzazione. Recentemente è stato trovato un accordo quadro tra sindacati e management definito dal ministro "fondamentale per la salute della società."

Questo accordo si compone di tre elementi: la garanzia del miglior prezzo possibile per la fornitura di energia elettrica da PPC a Larco; il rimborso dei debiti quadro Larcos di PPC, che dipende esclusivamente dai prezzi molto elevati del nichel; il rapido completamento dell'arbitrato per il periodo luglio 2010-dicembre 2013 sulla base del prezzo concordato.

Questo accordo, secondo il ministro, assieme ad una serie di iniziative intraprese per risolvere le questioni relative alla proprietà Larco, sarà l'occasione per rivitalizzare la società. Inoltre Stathakis pare abbia rassicurato le parti sociali circa il nuovo contratto di lavoro: vicino un accordo per la progressiva integrazione dei dipendenti con un contratto a tempo indeterminato.

Comments:

Mondogreco sui Social Media

seguici su questi network

facebook twitter google+