Stampa

Lo stupro di Santa Sofia costerà caro a Erdogan. De Palo a Radio Inblu

Scritto da Redazione on . Postato in Kosmos

“Lo stupro di Santa Sofia è l'ennesima provocazione di Erdogan, che punta a polarizzare la sua strategia di profondità strategica lungo tutto il Mediterraneo”. Così il direttore di Mondogreco, Francesco De Palo, intervistato oggi dal Tg di Radio Inblu secondo cui il Presidente turco affida a sciabola e Corano la propria deprecabile condotta.

 

 E osserva: “La prima preghiera musulmana in quella che rimarrà per sempre patrimonio dell'umanità conferma la postura di Erdogan, che mescola difesa, religione, geopolitica ed energia al solo fine di distendere le sue mire sul mare nostrum. Ma questa volta, a poche ore dal quasi scontro armato con le fregate elleniche per le sue assurde pretese sull'isola di Kastellorizo, è andato oltre: l'azione a Santa Sofia dimostra che il principio di laicità religiosa e di libera applicazione dei singoli credi non è contemplato dal Presidente turco, sempre più preda di pericolosissime smanie di grandezza. Una mossa che ha provocato anche la reazione della Chiesa Ortodossa russa, oltre che dimostrare una volta di più il peso specifico del sultano di Ankara. Dopo il mega palazzo presidenziale da 2000 stanze, l'Air Force Turk acquistato a suon di milioni dagli emirati e le pretese sul mare di Cipro e di Grecia, lo sfregio a Santa Sofia è l'ultimo atto di un dittatore che, sapendo di perdere presto il consenso, affida a sciabola e Corano la propria deprecabile condotta”.

(Qui il link)

 

twitter@mondogreco

Comments:

Mondogreco sui Social Media

seguici su questi network

facebook twitter google+