Stampa

La Grecia? Non cerca vittorie, solo il rispetto della legge. Parla Dendias

Scritto da Raffaele de Pace on . Postato in Kosmos

“La Grecia non cerca vittorie, ma la prevalenza del comportamento consentito dal diritto internazionale e dal diritto del mare". Lo ha detto il ministro degli esteri, Nikos Dendias, a proposito del dossier energetico a Kastellorizo.

 

 

Secondo il vertice della diplomazia ellenica "purtroppo non abbiamo ancora raggiunto un punto in cui possiamo dire che si concordato di avviare il dialogo con la Turchia”, ricordando che la Grecia non ha altri disaccordi se non la piattaforma continentale e la ZEE con la Turchia. Ovvero, Atene ha sempre una porta aperta per quanto riguarda il dialogo strategico, sia con i vicini che con partner meno prossimi, ma se non si troverà un accordo la Grecia potrebbe rivolgersi a L'Aia, aggiungendo che "la Turchia vorrebbe mostrare differenze con la Grecia, che sono inesistenti".

E ancora: "In Grecia operiamo in un quadro di pensiero, non siamo un paese che crea tensioni. Quello che stiamo dicendo in Turchia è che la comunicazione in termini legali è la via del dialogo. Al momento siamo a livello di contatti, il che può permetterci di indagare. Non va però considerato una conquista, perché non ha portato ancora risultati. Santa Sophia? Non è un problema greco-turco", rammentando come il il Dipartimento di Stato amricano ha preso il posto del diritto internazionale in tutti questi anni.

E infine: “Senza relazioni bilaterali e interpersonali, è più difficile avere successo nelle relazioni nazionali".

 

twitter@mondogreco

 

Comments: