Stampa

Incendio a Lesbo: fuggiti 35 migranti positivi

Scritto da Redazione on . Postato in Kosmos

Emergenza a Lesbo: 35 migranti positivi sono fuggiti dall'hotspot di Moria, sull'isola greca, dopo un incendio. Panico tra gli isolani e forze speciali arrivate stamane sull'isola. I 12mila ospiti hanno manifestato per le strade dell'isola e si stanno allontando dall'hotspot che è di fatto fuori controllo. 

 (Qui un video pubblicato su facebook)

Secondo lo speaker del governo, Stelios Petsas, Mytilene è in stato di emergenza. E'stata aperta un'inchiesta su modalità e cause che hanno creato l'incendio doloso, perché i Vigili del fuoco non hanno potuto agire come potevano, impediti dall'esplosione e dalla reazione in città dopo l'informazione sui casi positivi fuggiti. 

Sul posto sono giunti volontari e personale dei due comuni dell'isola, oltre ai vigili del fuoco, che hanno cercato di entrare nell'hotspot con l'aiuto delle forze dell'ordine. Tuttavia, secondo le testimonianze, alcuni migranti hanno lanciato pietre contro di loro, impedendo loro di avvicinarsi al sito della struttura.

“Ci sono stati veri combattimenti tutta la notte - ha detto Petsas - . L'isola sarà dichiarata in stato di emergenza e a coloro che vivono a Moria sarà vietato lasciare l'isola per evitare la diffusione del coronavirus nella popolazione. Ci sarà un'assistenza immediata per ospitare le migliaia di persone, con un'attenzione particolare per proteggere i più vulnerabili”.  Inoltre un video pubblicato su fb mostra il centro di accoglienza di Moria distrutto dalle fiamme e allo stesso tempo si sentono immigrati cantare "Bye Bye Moria" mentre registrano l'incidente con i loro telefoni cellulari.

C'è un fuggi fuggi generale: altri 150 migranti sono segnalati in arrivo all'atollo di Amorgos (dove Luc Besson girò il celebre “Le grand bleu”) e portati in Turchia. Erano su uno yacht senza pilota. 

 

Comments:

Mondogreco sui Social Media

seguici su questi network

facebook twitter google+