Stampa

Armenpress: salgono a 21 le vittime civili in Artsakh e in Armenia

Scritto da Redazione on . Postato in Kosmos

Al 4 ottobre 19 civili, tra cui un bambino e una donna, sono stati uccisi in Artsakh (Nagorno-Karabakh) a causa dell'aggressione azera. 80 sono i feriti. Oltre 2.700 proprietà e infrastrutture sono state danneggiate, Armenpress è stato informato dall'ufficio del difensore dei diritti umani dell'Artsakh.

 60 degli 80 feriti hanno subito ferite gravi e 24 di loro sono rimasti feriti all'interno o nelle vicinanze delle loro case. 6 sono stati feriti durante l'evacuazione. A partire dal 27 settembre, le forze azere hanno preso di mira oltre 60 insediamenti civili. Si stanno ancora verificando le vittime provocate dagli attacchi del 5 ottobre.

 Negli ultimi due giorni le forze azere hanno iniziato a prendere di mira deliberatamente infrastrutture di vitale importanza, che è un crimine di guerra. Altri due civili sono stati uccisi dall'invasione azera contro la Repubblica di Armenia. Un decesso è stato segnalata a Vardenis, un altro a Mets Masrik.

Il primo ministro dell'Armenia Nikol Pashinyan ha chiesto agli ex militari smobilitati nell'ultimo anno di unirsi volontariamente all'esercito per contrastare gli attacchi azeri. “Oggi, il segmento maggiormente pronto al combattimento della nostra società sono gli uomini che sono stati smobilitati dal servizio nell'ultimo anno. Li invito a presentarsi alla stazione di raccolta centrale a partire da ora, e a unirsi all'esercito armeno. Devono sapere che sono stati invitati a partecipare a una battaglia per la vita o la morte, per la loro patria", ha detto Pashinyan in un discorso dal vivo sui social media.

Ha detto che l'attuale aggressione azera sostenuta dalla Turchia non è semplicemente la questione del Karabakh, ma l’azione politica di continuare il genocidio armeno. "Oggi dobbiamo difendere il nostro popolo dal genocidio", ha detto.

 

Fonte: Armenpress del 05/10/2020

Comments:

Mondogreco sui Social Media

seguici su questi network

facebook twitter google+