Stampa

Black sea and balkan perspectives, meeting a Roma della Nato Foundation

Scritto da Redazione on . Postato in Kosmos

Crocevia di culture e influenze, di opportunità e sfide, l’area dei Balcani e del Mar Nero rappresenta, oggi più che mai, uno spazio di grande rilevanza strategica per tutta la comunità Euro-Atlantica. Cosa lega le due regioni? Qual è lo stato dell’integrazione dei paesi dell’area nell’Unione Europea e nella NATO? Quali le minacce emergenti e quale il ruolo degli attori esterni, statali e non? Un parterre di 16 specialisti di alto livello provenienti dalla regione risponderà in tre sessioni a queste e altre domande Mercoledì 28 luglio 2021, dalle 15 presso il Parco dei Principi Grand Hotel & Spa di Roma. 

 

La conferenza è organizzata dalla NATO Foundation, sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica. In collaborazione con il Black Sea Trust for Regional Cooperation, la NATO Public Diplomacy Division e il NATO Defense College, l’iniziativa si terrà con la presenza del pubblico finalmente di persona dopo mesi di eventi virtuali, nel pieno rispetto delle normative vigenti anti-COVID. Media Partner Airpress e Formiche. 

La prima sessione, moderata da Alexandra von Nahmen (Capo dell’Ufficio di Bruxelles di Deutsche Welle), si concentrerà sulle dinamiche e gli effetti della crescente competizione strategica tra grandi potenze nell’area: mentre l’UE resta infatti il maggiore donatore in regione, gli investimenti e l’influenza di Russia e Cina sono sempre più visibili. A delineare le politiche di Mosca e Pechino nell’area ci saranno, tra gli altri, Dmitri Trenin (Direttore, Carnegie Moscow Center, Mosca) e Helena Legarda (Senior Analyst, China Security Project, Mercator Institute for China Studies, Berlino).

Il secondo panel discuterà più nel dettaglio i temi caldi e le sfide emergenti della sicurezza regionale: l’annosa disputa territoriale tra Serbia e Kosovo e l’annessione illegale della Crimea sono solo le questioni più note di un quadro geopolitico complesso in cui le prospettive di integrazione Euro-Atlantica svolgono un ruolo molto importante. Cinque esperti, moderati dall’ex Ministro della Difesa macedone Zoran Joleski, passeranno in rassegna le differenti strategie nell’area. Tra loro: Solomon Passy (Presidente, Atlantic Club Bulgaria, Sofia), Ahmet Evin (Decano della Sabanci University, Istanbul) e Oleksiy Melnyk (Co-Direttore, Foreign Relations and International Programme, Razumkov Centre, Kiev).

Nella terza sessione, un focus sui traffici illeciti e le reti di criminalità organizzata tra Balcani e Mar Nero: Rabiè Sédrak (Responsabile, Counterterrorism Program, Center for Security Research, Skopje) e Walter Kemp (Direttore, South East Europe Observatory, Global Initiative against Transnational Organised Crime, Ginevra) ne mapperanno l’evoluzione e il modus operandi, mentre Snejana Maleeva (Direttore Generale, Southeast European Law Enforcement Center, Bucarest) illustrerà le iniziative e le politiche regionali volte a contrastare le minacce costituite da attori non-statali. A chiudere i lavori, le conclusioni del Presidente della Commissione Affari Esteri, Piero Fassino.

Comments: