Stampa

Balcani e Mar Nero, ecco la nuova frontiera geopolitica

Scritto da Redazione on . Postato in Kosmos

Black sea and balkan perspectives a strategic region è il titolo della conferenza organizzata dalla NATO Foundation, sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, lo scorso mercoledì 28 luglio 2021 a Roma, presso il Parco dei Principi Grand Hotel & Spa. In collaborazione con il Black Sea Trust for Regional Cooperation, la NATO Public Diplomacy Division e il NATO Defense College, l’iniziativa si è tenuta con la presenza del pubblico finalmente di persona dopo mesi di eventi virtuali, nel pieno rispetto delle normative vigenti anti-COVID.

 3 sessioni, 16 specialisti di alto livello provenienti dalla regione, per discutere le opportunità e le sfide di due regioni profondamente interconnesse, nonché di grande rilevanza strategica per l’intera comunità Euro-Atlantica: l’area dei Balcani e del Mar Nero. Il tutto con la partecipazione di 100 persone in sala e circa 200 collegate in virtuale su Zoom che hanno attivamente contribuito ad arricchire il dibattito. 

Alessandro Minuto-Rizzo, Presidente, NATO Defense College Foundation, Roma

«La vasta regione dei Balcani e del Mar Nero sta diventando sempre più una priorità strategica. Per secoli la nostra storia e quella dell’Europe Sud-Orientale, ricca di sfide e opportunità, sono state intimamente legate. E i Balcani e i paesi del Mar Nero sono a loro volta profondamente interconnessi. Il nostro evento intende mostrare esattamente queste connessioni offrendo un dibattito ampio, nei temi e nelle prospettive. L’Europa ha un grande interesse per questa parte del continente, dove, alla fine dei conti, ciò che è in gioco è la piena integrazione.»

Helena Legarda, Analista Senior, China Security Project, Mercator Institute for China Studies, Berlino

«La Cina è arrivata nei Balcani Occidentali solo di recente. La sua è una presenza non ancora marcata ma senza dubbio in crescita. Agli occhi di Pechino, la regione rappresenta un’opportunità politica ed economica, un ponte verso l’Europa. Specialmente in questo momento storico in cui alcuni paesi dell’area si sentono tagliati fuori dalle istituzioni Euro-Atlantiche.»

Dmitri Trenin, Direttore, Carnegie Moscow Center, Mosca

«Per la Russia il Mar Nero è uno spazio di grande importanza strategica dove puntare a prevenire ogni minaccia si profili all’orizzonte trovano all’orizzonte. Se provocata in quest’area, Mosca è infatti in grado di fornire una risposta armata alla provocazione. […] D’altra parte, i Russi considerano i Balcani Occidentali come appartenenti alla sfera di influenza occidentale. Il Cremlino usa la regione, in particolare la Serbia, soprattutto per “pubbliche relazioni”: per mostrare che in Europa ci sono leader che non percepiscono la Russia come un aggressore.»

Amer Kapetanovic, Direttore Politico, Regional Cooperation Council, Sarajevo

«Secondo il sondaggio annuale Balkan Barometer, più del 60% della popolazione dei Balcani vuole che i valori dell’UE prevalgano su quelli degli altri attori, e desiderano aderire all’Unione Europea. […] L’influenza della Cina, della Russia, o dei paesi del Golfo nella regione non può essere paragonata ai finanziamenti e agli investimenti economici dell’UE.»

Solomon Passy, Presidente, Atlantic Club of Bulgaria, Sofia

«Abbiamo di fronte sfide molto importanti: mancanza di leadership nella regione e sospetto reciproco tra i paesi dell’area. A questo proposito, per diversi motivi storici, la leadership italiana può fare miracoli nella regione dei Balcani e giocare un ruolo cruciale nel facilitare il potenziamento della cooperazione regionale e internazionale nell’area.»

Alina Bârgăoanu, Membro, Gruppo di Esperti di Alto Livello su Fake News e Disinformazione Online, Commissione Europea, Bucharest

«Durante la pandemia, i Balcani Occidentali e il Mar Nero sono diventati lo spazio ideale per cercare e ottenere vantaggi geopolitici. Abbiamo assistito alla nascita di un vero e proprio ecosistema di disinformazione che riadatta narrative globali al contesto locale riciclando vecchi miti, cospirazioni e false rivendicazioni. Sfruttando la debolezza strutturale preesistente, il fenomeno ha inasprito le paure e il cinismo, alimentando e diffondendo la sfiducia nei confronti delle autorità.»

Ahmet Evin, Decano, Sabanci University, Istanbul

«A seguito della dissoluzione della Jugoslavia, il coinvolgimento della Turchia nei Balcani Occidentali si è sviluppato come una forma di cooperazione con le democrazie occidentali per rispondere alle guerre civili. Ma al giorno d’oggi l’intervento di Ankara in varie regioni sembra puntare in una direzione diversa. È un investimento nella politica interna.» 

Oleksiy Melnyk, Co-Direttore, Foreign Relations and International Security Programme, Razumkov Centre, Kiev

«L’Ucraina si trova all’epicentro geopolitico della competizione globale tra grandi potenze. Nell’era dei conflitti ibridi, la sicurezza del settore non militare non è meno importante di quella militare, e con il sostegno della NATO l’Ucraina può svolgere un ruolo importante in questo senso.»

Rabié W. Sèdrak, Capo, Counterterrorism Program, Center for Security Research, Skopje

«I gruppi terroristici dei Balcani Occidentali hanno strutture molto simili a quelle di altri gruppi della criminalità organizzata, con simili dottrine e modalità di uso della forza. Da parte sua, allo stesso tempo, la criminalità organizzata spesso supporta i terroristi a livello logistico, economico e fisico.»

Walter Kemp, Direttore, South East Europe Observatory, Global Initiative against Transnational Organised Crime, Ginevra

«I trend emergenti per quanto riguarda la criminalità organizzata dell’Europa Sud-Orientale sono principalmente quattro: l’impatto sempre maggiore del traffico di cocaina nella regione; gruppi transnazionali che allargano i loro network e attività a livello globale; emergenza del Caucaso come nuovo hotspot; crescenti capacità tecnologiche dei gruppi criminali.»

Piero Fassino, Presidente, Commissione Affari Esteri, Camera dei Deputati, Roma

«La parola chiave per cercare di districare i nodi geopolitici nella regione dei Balcani e del Mar Nero è una sola: fiducia. Fiducia per costruire governi efficaci, per promuovere lo sviluppo, per potenziare l’inclusione Euro-Atlantica. […] Dobbiamo essere in grado di prevenire i conflitti, non soltanto di combatterli, e questa è stata la principale funzione storica della NATO.»

Comments:

Mondogreco sui Social Media

seguici su questi network

facebook twitter google+