Stampa

Che succede nell'Egeo se Mosca vende ad Ankara i nuovi missili S-400?

Scritto da Paolo Falliro on . Postato in Kosmos

I russi si starebbero preparando a fornire alla Turchia nuova tecnologia militare, con i missili S-400 Triumf di ultimissima generazione. Se l'indiscrezione fosse confermata, Ankara disporrebbe di una netta supremazia militare nell'intera macro regione, con ricadute chirurgiche a est (quindi in Medio Oriente) e a ovest (quindi nell'Egeo).

 

 Pare che più di un'ammissione sia giunta da Sergei Tsemezof, presidente di Rostec, il colosso produttore del sistema d'arma. Il funzionario russo avrebbe rivelato che i colloqui sono in corso. E'chiaro che muterebbero i rapporti di forza nell'intera area, coinvolgendo il bacino orientale ma anche quello occidentale che si affaccia sul Mediterraneo. Giusto un anno fa la Turchia aveva manifestato interesse ad acquistare un sistema missilistico cinese, ma tutto fu poi bloccato dalle reazioni di Washington e della NATO.

In allarme anche il bacino che guarda al mar Egeo, dove le tensioni causate da Ankara stanno vivendo settimane febbrili, causate dalle continue provocazioni militari turche, con sconfinamenti aerei degli F16 e con addirittura una motovedetta che ha sparato un colpo durante un'esercitazione non autorizzata da Atene.

La Turchia ha già sviluppato una propria industria della difesa, avviando la costruzione di bacini attrezzati per cantieri medio-grandi. Se la fornitura di S-400 Triumf sarà confermata, Ankara potrà praticamente controllare completamente il Mediterraneo e l'Egeo orientale tra Cipro e la Grecia. Con ripercussioni anche nel dossier energetico alla voce gas.

 

Il missile S-400 con sistema Triumf, operativo dal 2007, è in grado di intercettare tutti i tipi di armi moderne d'aria, tra cui i missili balistici e da crociera fino a 250 miglia. Il sistema terra-aria con propulsione a razzo è progettato per fermare aerei dediti alla guerra elettronica.

 

 

 

 

Comments:

Articoli simili

Mondogreco sui Social Media

seguici su questi network

facebook twitter google+