Stampa

Tragedia della Mikrì Asia, Erdogan: “Noi abbiamo buttato a mare i Greci”

Scritto da Paolo Falliro on . Postato in Kosmos

Non si stemperano le becere provocazioni del Presidente turco Erdogan, che con l'avvicinarsi del referendum del 16 aprile, continua la sua campagna elettorale farcita di insulti e scorrettezze sociali, prima che politiche.

 

Con riferimento alla tragedia della Mikrì Asia, quando la pulizia etnica dei turchi a Smirne colpì migliaia di greci, il presidente turco ha sottolineato che furono i turchi a "lanciare" i greci in mare, in risposta alle dichiarazioni del partito di opposizione MP guidato da Chiousnou Bozkurt, che in precedenza lo aveva accusato di voler gettare a mare tutti coloro che sosterranno il si in caso di vittoria del no.


Il famoso incendio appiccato nella città di Smirne distrusse gli antichi quartieri greco e armeno, insieme a quello "franco": almeno 30mila furono i morti bruciati, massacrati o annegati buttandosi in mare. A chi tentava di issarsi sulle navi francesi e inglesi ancorate in porto, venivano tagliate le mani con le spade.

Circa 250.000 cristiani greci abbandonarono la città dove vivevano da anni, cercando riparo in Grecia. L'incendio di Smirne è il simbolo di ciò che viene descritto come Tragedia della Mikrì Asia (Asia Minore), causata dalla barbarie ottomana.

Comments:

Articoli simili

Mondogreco sui Social Media

seguici su questi network

facebook twitter google+