Stampa

E'morto Alafouzos, il primo armatore-editore venerato anche in Giappone

Scritto da Giorgio Fthia on . Postato in Kosmos

E'stato il primo in Grecia a intuire le risorse che si possono ottenere diversificando il business. E'mancato a 93 anni uno degli uomini più ricchi e potenti del mondo: Aristides Alafouzos. Nasce a Santorini, nel 1924 a Oia, da una famiglia di armatori, suo padre commercia dal mar Nero all’Egeo, e ben presto si trasferiscono a Odessa.

A metà degli anni Cinquanta, complice il terremoto che devasta l’isola di Santorini, spostano la sede operativa del gruppo ad Atene. Il risultato è sei compagnie di navigazione, (sotto l’ombrello della società Argonautis che opera con le controllate Shell Sea, Sea Pearl Enterprises, Zenith Maritime, Corporation Bigael, Kyklades marittime), una grande flotta mercantile, una società di costruzioni.

Il suo nome fa rima con Skai, una vera e propria corazzata mediatica con canale all news, radio, casa editrice, oltre a quotidiani e periodici, il cui 75% è nelle mani del figlio Ioannis. Possiede il quotidiano Kathimerinì, il primo con una versione on line in inglese, le stazioni radiofoniche Melody e RED 96,3 oltre a numerose partecipazioni in altre imprese, che fanno di Alafouzos la famiglia più potente del Paese.

Un sodalizio marittimo, quello con l’oriente per quanto riguarda la fabbricazione di navi, che gli ha consentito nel 2009 di ottenere un’onorificenza molto rara per un cittadino occidentale: ha ricevuto dall’imperatore del Giappone Akihito la Medaglia dell’Ordine del Sol Levante. Molto fa discutere la partnership con l’imprenditore Vangelis Marinakis, proprietario della squadra di calcio dell’Olympiacos Pireo (per via del business delle scommesse sportive Bwin) e un’accusa in passato per contrabbando di carburante.

twitter@mondogreco

Comments:

Articoli simili

Mondogreco sui Social Media

seguici su questi network

facebook twitter google+