Stampa

Sanità ellenica verso il crack: a Ioannina leucemici parcheggiati nei corridoi

Scritto da Paolo Falliro on . Postato in Politikì

Avrebbero bisogno di isolamento e maggior isolamento, e invece i pazienti leucemici di Ioannina sono lasciati in corsia. Ecco l'ennesimo episodio di malasanità in Grecia, nonostate le promesse di redistribuzione delle risorse per welfare e sanità da parte del governo.

 

Come raccontato alla stampa dai dipendenti del reparto di Ematologia clinica dell'ospedale, i pazienti ricoverati in ospedale, che dovrebbero essere isolati proprio perché ad alto rischio di infezioni nosocomiali, giacciono invece in brandine nei corridoi.

Tra l'altro la condotta del nosocomio di Ioannina cozza con la circolare del Ministero della Salute 20/3/2012 che prevede il divieto di sostare in corsia durante l'ospedalizzazione per quei pazienti.

"La situazione attuale ha letteralmente raggiunto un punto di stallo” si lamentano i lavoratori di Ematologia Clinica in una lettera aperta inviata alla Federazione nazionale dei dipendenti pubblici ospedalieri, e invocano l'intervento immediato del ministero della Salute per risolvere il problema.

Nel reparto in questione sono alloggiati 18 posti letto di Ematologia Clinica, 7 per talassemia e 2 per lo studio del sonno. La copertura è del 130%, il che significa che nei corridoi sono ricoverati ogni giorno 5-8 pazienti in letti da campo o barrelle. E con sole due infermiere per turno.

Accanto a quel reparto, ecco sullo stesso piano la Clinica polmonare, sempre super affollata da pazienti con iinfezioni virali e malattie infettive.

Secondo un report del sindacato medico Poedin, l'ospedale di Ioannina ha registrato un fortissimo aumento di pazienti con leucemia acuta e altri tumori maligni negli ultimi otto anni.

 

twitter@mondogreco

Comments:

Articoli simili

Mondogreco sui Social Media

seguici su questi network

facebook twitter google+