Stampa

Il ricco menù del bilaterale Italia-Grecia di Roma

Scritto da Giorgio Fthia on . Postato in Politikì

C'è anche la Grecia a Roma assieme ai leaders di Francia, Spagna, Portogallo, Malta e Cipro per il vertice Med-Set dei paesi del sud Ue, preceduto ieri da un bilaterale tra il Premier italiano Paolo Gentiloni e quello ellenico Alexis Tsipras. Al centro dell'incontro i flussi migratori, la crisi del debito, le politiche medierranee e il dossier energetico.

 

Il regolamento di Dublino è stato al centro dei colloqui, con inevitabilmente le ricadute di responsabilità sul paese di prima accoglienza per le richieste di asilo, quindi Italia e Grecia. Il primo mattoncino di una nuova fase dei rapporti tra i due paesi era stato posto lo scorso settembre al vertice di Corfù.

Secondo Gentiloni «la Ue deve puntare su crescita e investimenti», anche perché non va dimenticato che Roma è il secondo fornitore di Atene dopo Berlino. Dopo gli anni bui della crisi greca, ecco che progressivamente l’interscambio commerciale con la Grecia è tornato sui 6 miliardi di euro, secondo i dati Istat. A ciò va sommata la nuova stagione legata a logistica e infrastrutture portuali.

Al Pireo opera da tempo il colosso cinese Cosco, che lo ha privatizzato e che assume un ruolo significativo nell'ambito del progetto “La Via della Seta” accanto agli scali italiani di Trieste, Genova e Venezia. Tra le altre cose l'Italia è riuscita ad aggiudicarsi il player ferroviario ellenico di Treinose, anche grazie al lavorìo del nuovo ambasciatore d'Italia ad Atene, Efisio Luigi Marras, e che potrebbe intrecciarsi con l'idea cinese di una sorta di nuovo Orient Express che dal Pireo porti le merci sulla dorsale balcanica.

 

twittermondogreco

Comments:

Mondogreco sui Social Media

seguici su questi network

facebook twitter google+