Stampa

Proteste a Salonicco e lacrimogeni contro i bambini

Scritto da Giorgio Fthia on . Postato in Politikì

Migliaia di persone hanno manifestato ieri a Salonicco contro la soluzione del caso macedone siglata a Prespa da Atene e Fyrom, in concomitanza con il discorso del premier Tsipras alla Fiera Internazionale. Sui manifestanti sono stati sparati lacrimogeni dalle forze dell'ordine, che hanno colpito anche alcuni bambini.

 

Il bilancio parla di sessanta feriti che hanno fatto ricorso al locale pronto soccorso e di otto manifestanti arrestati, nonostante le strette misure di sicurezza che non hanno impedito numerosi incidenti in una città blindatissima per la presenza del premier e di autorità internazionali come il Segretario americano al commercio Wilbour Ross.

Mentre Tsipras terminava il suo discorso, all'esterno c'è stato un lancio di pietre, di bastoni in legno, con combattimenti tra incappucciati e teste di cuoio greche.

Cassonetti incendiati, marciapiedi distrutti, strade divelte e danni in cinque negozi. La situazione si è normalizzata sono in serata ma la tensione resta comunque alta, anche per via dei sondaggi che danno Syriza ancora in calo. L'ultimo diffuso oggi (Marc) attribuisce a Nea Dimokratia il 29,9%, ben dieci punti più del partito di Tsipras, sceso al 19%.

A seguire Alba dorata al 6,9%, Kinima al 6,4%, Kke al 6% e Anel alleato di Tsipras al governo con solo l' 1,2%.

  

twitter@mondogreco

 

 

Comments:

Mondogreco sui Social Media

seguici su questi network

facebook twitter google+