Stampa

Davvero Washington punta tutto su Grecia e Cipro?

Scritto da Giorgio Fthia on . Postato in Politikì

Gennaio sarà un mese significativo per i rapporti di Grecia e Cipro con gli Usa. Il Segretario di Stato Mike Pompeo sarà a Nicosia e il premier ellenico Kyriakos Mitsotakis sarà ricevuto alla Casa Bianca da Donald Trump.

 

Sullo sfondo però resta l'ambiguità con cui l'amministrazione Trump gestisce il suo rapporto con la Turchia, vero soggetto scompaginatore del Mediterraneo orientale (e non solo). Intanto alla ripresa dopo le festività il doppio appuntamento istituzionale tra Usa ed Egeo dirà molto anche in chiave ufficiale.

Il segretario di Stato americano Mike Pompeo visiterà Cipro nella prima settimana di gennaio: in agenda le relazioni bilaterali USA-Cipro, il Partenariato per la cooperazione nel Mediterraneo orientale, la questione della possibile riunificazione di Cipro, il dossier energetico con i nuovi gasdotti. Fonti diplomatiche fanno sapere che verrà firmato un accordo bilaterale tra Washington e Nicosia.

Il 7 gennaio sarà la volta del premier greco alla Casa Bianca, un'occasione rilevantissima non solo per certificare una volta di più il nuovo rapporto disteso tra i due Paesi, ma per fare il punto su due iniziative comuni: il possibile acquisto greco di alcuni F-35 americani, verosimilmente quelli non più venduti alla Turchia, e il pacchetto di privatizzazioni che interessa il porto greco di Alexandrupolis con gli Usa in primissima fila.

Tutto rose e fuori? Non proprio. A fronte di un siffatto rapporto tra Usa ed Egeo, caldeggiato dal Dipartimento di Stato e dal Pentagono, c'è da registrare l'ambigua posizione di Trump su Erdogan: il presidente turco è sempre più player instabile dell'intera macro area e non manca di attaccare proprio Grecia e Cipro su una serie di versanti, come la zona economica esclusiva per le ricerche sottomarine sul gas. Il recente accordo Turchia-Libia per lo sfruttamnto marittimo ha incrementato il livello di tensione visti i riverberi diplomatici della firma tra Erdogan e Serraj.

 

twitter@mondogreco

Comments:

Mondogreco sui Social Media

seguici su questi network

facebook twitter google+