Stampa

La ricetta (sin qui vincente) della Grecia contro il Covid

Scritto da Francesco De Palo on . Postato in Politikì

Da Il Giornale dell'11/04/2020

 Meno di 100 morti e “solo” 2000 contagi. La Grecia ha affrontato l'emergenza Covid con il pragmatismo di un'impresa privata: programmazione, prevenzione e niente improvvisazione.

 

Il premier liberal-conservatore Kyriakos Mitsotakis, ancora prima di registrare una vittima nell'Egeo, ha messo in campo una serie di misure che, fino a questo momento, si sono rivelate azzeccate. Ha chiuso le scuole ma attivando la distribuzione domestica di libri agli studenti, inibito il traffico autostradale, approntato un sito ad hoc in pochi giorni in cui è possibile ritrovare tutte le informazioni sulle misure adottate dal governo comprese le limitazioni fisiche e logistiche, le misure a supporto di imprese e lavoratori, le ultime news di pubblica utilità.

E ancora, ha attivato una centrale telefonica tramite la quale i cittadini con un semplice sms hanno comunicato i propri spostamenti, mentre in Italia siamo alla quinta autocertificazione. E soprattutto ha affidato ad uno scienziato il ruolo di speaker unico per l'emergenza, con l'obiettivo di veicolare al paese e alle aziende pochi messaggi, semplici e di facile comprensione. Oltre ai droni, la polizia ellenica dell'Elas è stata dotata di visori notturni per stanare quei cittadini che, complici le festività pasquali che in Grecia sono più importanti del Natale, potrebbero essere tentati di raggiungere le seconde case dove di solito ci si riunisce per il tradizionale arrosto paquale, un rito consumato in comunità, con famiglie che si incontrano proprio in quegli assembramenti che sono vietati.

Qualche giorno fa il premier ha visitato il centro Covid ateniese Sotiria, con una mascherina indossata in pubblico, così come fatto in Italia dal Governatore della Lombardia Attilio Fontana. Mitsotakis ha consegnato di persona il materiale medico necessario tra mascherine, respiratori, dispositivi di protezione a medici e personale infermieristico, vale a dire coloro che sono in prima linea nella battaglia contro il virus.

Circa le misure economiche previste dal governo, fermo restando una recessione del 4% per via del turismo bloccato, si è deciso per annullare i tagli alla spesa, per rinviare le riduzioni fiscali come la riduzione del contributo di solidarietà e delle tasse sugli immobili. Secondo il ministro delle finanze, Christos Staikouras, il pacchetto di misure di sostegno sarà più che raddoppiato a maggio e coprirà anche il mese di giugno. Ciò dovrebbe avvenire senza il rischio di tagli degli stipendi nel settore pubblico Stato, né di tagli delle pensioni.

twitter@FDepalo

Comments:

Mondogreco sui Social Media

seguici su questi network

facebook twitter google+