Stampa

Covid, la Grecia prova a riaprire dopo la zona rossa totale

Scritto da Raffaele de Pace on . Postato in Politikì

Da sabato scorso sono previsti test rapidi gratuiti nelle farmacie di tutta la Grecia, uno gratuito ogni settimana per ogni cittadino, apertura di siti archeologici, proroga dell'orario dei negozi fino alle 21 di tutti i giorni e riapertura dei parrucchieri. Ad aprile verrà vaccinato il gruppo vulnerabile sei 60enni e dei malati gravi, mentre in maggio le professioni a rischio e a scalare tutti gli altri. 

 

Il problema in Grecia non è tanto nel numero dei contagi, circa 2000 al giorno rispetto ad altri paesi, ma nell'intasamento delle terapie intensive che non sono tantissime negli ospedali pubblici.

Su un totale di 4.600 pazienti trattati nel Paese, ben 2.500 pazienti vengono curati in Attica, la regione ateniese che da sola ha in pancia la metà della popolazione greca, circa 5 milioni. Pur essendoci una tendenza all'aumento dei ricoveri negli ospedali di Salonicco e Creta, resta il fatto che vi sono intere regioni con poco meno di 50 contagi al giorno. Mentre aumenta in proporzione il numero dei decessi, circa 60 al giorno in tutto il paese.

Inoltre il governo greco, per primo in Europa, ha proposto il passaporto vaccinale per stimolare il turismo e ha raggiuto un accordo con Israele per lo scambio di flussi turistici in sicurezza. Vi sono già alcune isole covid free, come Kastellorizo, dove Salvatores girà il suo film Mediterraneo. L'obiettivo è quello di programmare la stagione turistica, primaverile ed estiva, provando a evitare di essere superati dagli eventi ma contando su un ponte commerciale con Tel Aviv e Londra: ci sono infatti già prenotazioni da parte di cittadini inglesi. 

twitter@mondogreco

 

 

Comments:

Mondogreco sui Social Media

seguici su questi network

facebook twitter google+