Stampa

Varvitsiotis: “Stiamo entrando nell'era delle grandi sfide per lo Stato di diritto e i diritti umani”

Scritto da Redazione on . Postato in Politikì

La Grecia ha l'obbligo storico di procedere nell'era delle grandi sfide intorno ai diritti umani. Così dall'Agorà romana il viceministro degli Esteri Miltiadis Varvitsiotis, in occasione della Conferenza sulle "Sfide del diritto in Europa", organizzata da l'European Public Law Organisation (EPLO) in collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri e la Regione Attica, nell'ambito della Conferenza sul Futuro dell'Europa, alla presenza dell'ex premier italiano Giuliano Amato.

 In particolare Varvitsiotis ha fatto precisi riferimenti storici all'importanza che i greci hanno attribuito all'osservanza della legge nel tempo e ha sottolineato che la lotta per la tutela dei Diritti Umani è in corso e va fatta senza sconti. "Stiamo entrando in un momento di grandi sfide per lo stato di diritto e i diritti umani, e questo problema sarà motivo di preoccupazione per l'integrazione istituzionale dell'Europa in futuro".

Il viceministro ha proseguito presentando le sfide che Grecia e Unione Europea sono chiamate a gestire nell'era post-covid, sottolineando in particolare la necessità di difendere i valori fondamentali dell'Europa dai vincoli della pandemia. Ha ricordato che la Grecia ha preso la guida di questo problema lo scorso anno, esercitando la Presidenza del Consiglio d'Europa e riuscendo a firmare la relativa Dichiarazione Congiunta di Atene.

Il viceministro ha fatto riferimento anche alla sfida dell'immigrazione, poiché da un lato vi è la necessità di proteggere le frontiere e dall'altro la tutela dei richiedenti asilo, le questioni del ricongiungimento familiare e l'accesso alla giustizia. Nello stesso contesto, ha sottolineato la necessità di proteggerci dal populismo, dalla disinformazione, dalle fake news e dall'inadeguata tutela delle minoranze anche nei Paesi dell'Unione Europea.

Per questo motivo ha invitato tutti i greci a presentare al Dialogo nazionale sul futuro dell'Europa le loro proposte sui temi della democrazia, dello Stato di diritto e dei diritti umani. "La maggiore partecipazione dei greci alla Conferenza rafforzerà la nostra voce e la nostra presenza in Europa. La nostra volontà e aspirazione è che la Grecia sia protagonista del sogno europeo. È insieme storico e presente, ma in futuro aspira ad essere in prima linea nella Lotta per più Europa, più libertà e diritti». 

Il relatore principale dell'evento è stato il Ministro di Stato George Gerapetritis, mentre l'evento è stato salutato anche dal Direttore dell'EPLO, il Professor Spyridon Flogaitis, dal Governatore Regionale dell'Attica, George Patoulis, e dall'ex Primo Ministro italiano Giuliano Amato.

 

 

Comments: