Stampa

Viaggio nell'hotspot delle Termopili: "La Grecia è diventata il lazzaretto d'Europa"

Scritto da Redazione on . Postato in Politikì

Un lazzaretto, dove si intrecciano storie di morte e distruzione, guerra e fuga senza un futuro, ma con la tragica certezza di un presente allucinante". Così Francesco De Palo, direttore di Mondogreco, dopo aver visitato l'hotspot delle Termopili, nella Grecia Centrale, in cui sono ospitati circa 480 profughi, tra siriani, curdi e iracheni.


"Toccare con mano cosa ha prodotto il macabro business della guerra e degli interessi che gravitano attorno ai migranti", osserva De Palo, "è un'esperienza che ogni essere umano dovrebbe fare. Qui, dove Leonida e i suoi 300 si scontrarono con Serse ed i persiani, oggi 500 anime vivono in condizioni assurde e controverse: in dieci in una stanza ma con wifi gratuito, con la possibilità di prendere un treno o di uscire ma senza una minima idea di futuro, con solo un appello settimanale ma con cucine-container che ancora non funzionano".


"Ciò che doveva essere evitato è stato invece fatto passare come ordinario e oggi coperto da un velo di silenzio: la Grecia è diventata il lazzaretto d'Europa e i flussi proprio in questi giorni ricominciano ad intensificarsi". 

"Non va dimenticato", ricorda De Palo, "che il Paese è già gravato dalla crisi economica, che i Comuni e le Regioni non hanno più fondi per le proprie spese ordinarie o straordinarie e che quindi aumentano la soglia di criticità ogni giorno. Occorre quindi più controllo, anche da parte dell'Ue", conclude, "per stanare il commercio di vite umane, il rischio di pedofilia e di infiltrazioni della criminalità che mira ad usare quei corpi e quelle vite per il commercio sessuale". 

twitter@mondogreco

Comments:

Articoli simili

Mondogreco sui Social Media

seguici su questi network

facebook twitter google+