Stampa

Il dilemma di Tesla, investe nel nichel di Grecia?

Scritto da Raffaele de Pace on . Postato in Teknes

Ogni Tesla Modello 3 ha 30 libbre di nichel, per cui del materiale c'è un gran bisogno e lo stesso Musk lo ha detto a chiare lettere parlando giorni fa ai suoi investitori. Dunque ne cerca grandi quantità. Come quelle contenute nelle miniere greche di Larco.

 

 Ad oggi è l'unico produttore di ferro-nichel nell'UE ed uno dei cinque maggiori produttori al mondo, in pole position per essere acquisita da Musk, che in Grecia ha già un laboratorio in Attica.

Le prospettive di produzione sono però zavorrate da un problema non da poco: il deprezzamento cronico dell'azienda e della sua attività decennale a causa della violazione di ogni concetto di legislazione ambientale.

Per cui servono centinaia di milioni di euro per garantire un'attività finanziariamente e ambientalmente sostenibile che sani il dramma ambientale del recente passato. I forni Larco producono infatti due milioni di tonnellate di ruggine all'anno, che vengono scaricate nel mare di Evoikos. Musk potrebbe in un solo colpo aggiudicarsi Larco e ripulire la Grecia dai detriti di decenni. Ci riuscirà?

 

twitter@mondogreco

Comments: