Stampa

Dopo i Rafale anche le fregate: cosa c'è in ballo tra Grecia e Francia

Scritto da Redazione on . Postato in Teknes

Dopo l'affare concluso sull'asse Atene-Parigi per i 18 caccia Rafale, acquistati dalla Grecia per 3 miliardi di dollari, si profila un possibile nuovo asse commerciale sempre nel settore della difesa. Il Ministro degli esteri francese Florence Parley ne discuterà personalmente con il premier greco Kyriaos Mitsotakis tra pochi giorni.

 

Sul piatto l'offerta francese per due fregate Fremm. Se saranno proposte nella versione antisom allora il governo ellenico dovrebbe essere orientato ad accettare. Contrariamente si potrà valutare l'opzione di quattro Belh@ra, al netto delle possibilità reali delle casse greche. Nel mezzo resta l'opzione americana, che non dovrebbe comprendere il cacciatorpediniere Arleigh Burke, anche se la proposta iniziale Usa di MMSC pare non soddisfi in nessun punto i requisiti richiesti. 

Sempre il tema di Difesa si segnala l'accordo ventennale tra Grecia e Israele per la creazione di una Air Force School per l'aviazione militare greca, da 1,68 miliardi di dollari. Saranno forniti dieci velivoli M-346, la manutenzione dei T-6, la fornitura di simulatori, l'addestramento e il supporto logistico.

twitter@mondogreco

 

 

Comments: