Stampa

Il nuovo turismo in Grecia? Passerà da Delfi, Tebe e dall'Epiro

Scritto da Raffaele De Pace on . Postato in Teknes

Il nuovo turismo in Grecia? Passerà da Delfi, Tebe e dall'Epiro. Parola d'ordine destagionalizzare. Nuove rotte per appassionati e stranieri si stanno aprendo nella Grecia continentale, nelle regioni della Fthiotida, Evritania ed Epiro. Gli stati generali del turismo ellenico riuniti lo scorso fine settimana a Kamena Vourla, ad un tiro di schioppo dalle Termopili, hanno ragionato sulle nuove opportunità imprenditoriali che si possono costruire per la Grecia di domani. Posto che le Cicladi e la rotta classica (Atene, Corinto, Micene) non subiscono cali, anzi migliorano sensibilmente, è nelle zone del paese meno turisticamente sviluppate che si concentrano sforzi e progetti per individuare rotte alternative anche per stimolare l'occupazione post crisi economica.
 
Su questo aspetto ha dibattuto l'assemblea del "Tier", vettore di cultura digitale e imprenditorialità che sostiene l'iniziativa privata, l'archeologia e la scienza promuovendo modelli di sviluppo centrati sui teatri antichi, sul tessuto connettivo che collega cultura, ambiente, turismo, comunità locali e reti internazionali. Questo è il motivo per cui quest'anno, l'Assemblea, che in sostanza è una piccola fucina di idee e di conoscenze, guarda con interesse e ottimismo alla Grecia centrale.
 
Il sito delle Termopili, l'oracolo di Delfi, il monte Parnassos con la Grotta del Dio Pan, Volos con il porto di partenza degli Argonauti, o i siti archeologici di Tebe, Cheronea, Orcomeno, il Castello di Lamia, la bellezza naturale dell'Evritania con i laghi di Plastiria, sino ai borghi da favola di Zagarochoria (in foto) o al misticismo del monte Olimpo e alla spiritualità del monastero della Madonna a Proussò. La crisi, come da etimologia ellenica, porta rottura ma anche opportunità. Vedremo chi sarà in grado di coglierle.
 

Comments:

Articoli simili

Mondogreco sui Social Media

seguici su questi network

facebook twitter google+