Stampa

Se ne va un innovatore e sintesi (artistica) di Italia e Grecia

Scritto da Enrico Filotico on . Postato in Teknes

E’ morto Jannis Kounellis, esponente dell’arte povera e bandiera del legame indissolubile che per tutto il ‘900 ha legato Grecia ed Italia. Frequentatore dei circoli degli artisti di Roma, Kounellis si è presentato all’Italia della rinascita economica nel 1957 ancora ventenne.

Appassionato giovane di voglia e prospettiva si era formato artisticamente presso l’Accademia delle Belle Arti romana, maturando ed affinando la sua tecnica sotto l’ala di Toti Scajola. L’esordio italiano arriva pochi anni dopo con la presentazione  di una mostra personale nel 1960 alla galleria romana “La Tartaruga” in via del Babbuino, posto noto di ritrovo per la Roma artistica. Una seconda cittadinanza, quella tricolore, che ha portato nel cuore fino alla fine dei suoi giorni arrivati dopo un periodo di osservazione a Villa Mafalda

Un innovatore con il cuore diviso a metà tra l’accogliente Italia che l’avevo lanciato sui grandi palcoscenici dell’arte europea e la sua Grecia, che mai ha dimenticato e da cui mai è stato dimenticato. Nel 2009 Kounellis fu insignito del dottorato onorario dell’ Accademia delle Belle Arti di Atene, occasione in cui il pittore e scultore nato nel Pireo non lesinò la sua passione per l’Ellenismo. 

Tante le esposizione delle sue opere nei confini nazionali, con l’esordio risalente al 1976, alla taverna Apollon, fino alle esposizioni a cavallo tra il 2006 e il 2007,  nel corso della mostra Mythos: Miti e Archetipi nel Mediterraneo, allestita presso il Museo Bizantino e Cristiano e l'Istituto Italiano di Cultura, al fianco di artisti di spicco tra cui Giorgio de Chirico, Raphael Mafai, Enrico Prampolini e Mario Sironi. Una corrente artistica la sua, quella dell’arte coniata come ‘povera’ dal critico d'arte italiano Germano Celant alla fine degli anni '60, che gli aveva sempre imposto di collegare le sue produzioni ad una concezione della vita pessimistica e dunque, secondo l’artista, di stimolo per le sue produzioni. 

Comments:

Articoli simili

Mondogreco sui Social Media

seguici su questi network

facebook twitter google+