Teofilo: l'artista

La casa museo

Teofilo: le opere

Theophilos: il film


Teofilo vestito da
Alessandro Magno ritratto
da Yiannis Tsarouxis
( )

TEOFILO

Teofilo Hatzimikail ( ) (1873-1934)

di Fernando Buscemi


Theophilos Teofilo Hatzimikail ( ) (1873-1934), piu' comunemente noto con il solo nome, Teofilo, e' il piu famoso pittore naif della Grecia.
Nacque nel 1873 (secondo altri negli anni che vanno dal 1864 al 1870), a Varia ( ), 4 km a sud di Mitilini (Mitilene), nellisola di Lesbo, patria di altri due illustri personaggi, Saffo (nata nel villaggio di Skala Eressou) ed Esopo. Compi' solamente i primi tre anni della scuola primaria e negli anni seguenti tento vari lavori, ma senza alcun successo. Ventenne parti per Smirne e lavoro come inviato. In seguito comincio' a dipingere, usando le tecniche di base che aveva imparato a Mitilini dallo zio G. Zografo, che faceva il decoratore.
Nel 1897 si arruolo' volontario nella guerra contro i Turchi, che ancora detenevano parte della Grecia. In seguito, si sposto' a Milies (), nel Pelio (o Pilio), dove dipinse i muri dei caffe, dei negozi e delle case. Intorno al 1900 ritorno' a Smirne dove continuo' a dipingere. Nel 1907 si trasferi' a Volos, spostandosi nei villaggi vicini e dipingendo per guadagnarsi da vivere. Nel 1926 torno' a Mitilini dove dipinse in varie parti della citta' e dei villaggi vicini. Nel 1930 fu scoperto dal famoso critico di origine greca, poi stabilitosi a Parigi, Stratis Eleftheriadis, meglio noto col nome francese di Teriade, il maggiore editore di arte grafica di Francia, che gli chiese di rifare tutti i suoi lavori su tela, sostenendo le spese per acquistare tutto loccorrente per dipingere.

Tuttavia Teofilo non visse abbastanza a lungo per godere della sua fama, infatti fu trovato morto il 26 marzo del 1934, forse in seguito ad avvelenamento alimentare. Pertanto visse e mori' poverissimo, da vero artista di strada, avendo avuto sempre e soltanto uno scopo ed un solo desiderio nella sua vita: dipingere.
Nel 1936 Teriade organizzo' per lui una mostra al Louvre di Parigi, cio' che fece conoscere Teofilo in tutto il mondo.
Durante la sua vita fu schernito per i suoi atteggiamenti strani e il suo modo strambo di vestire, tanto da essere chiamato LEuzone (" ") per la fustanella tipica degli euzoni di cui amava vestirsi.
___________________
In questo riquadro: Sopra, affreschi nella casa di Kontos, (Anakasia di Volos, 1912); Sotto, la casa dove mori Teofilo, a Mitilene nel 1934.

Theophilos e la madreOggi Teofilo e uno dei piu' apprezzati pittori greci, spesso paragonato al grande Henri Rousseau (Il Doganiere). La sua opera e' visitata in tutte le citta' dEuropa e presto il suo lavoro sara' esposto anche in Giappone. A Londra e New York le sue opere raggiungono quotazioni astronomiche, mentre un riconoscimento ufficiale Theofilos lo ebbe, dopo la morte, anche dallo Stato greco, che si impegno' alla creazione della pinacoteca inaugurata dallo stesso premio nobel Yiorgos Seferis nel 1965.
Il grande poeta Odysseas Elytis (1911-1996), premio Nobel per la poesia nel 1979, nato ad Heraklion (Creta), ma discendente da una antica famiglia di Lesbo, ebbe a dire che Teofilo rappresenta il legame piu vivo con la vera gente greca, sempre poco considerata, mentre il pittore Yiannis Tsarouchis (1910-1989) ha affermato che Teofilo riporta nelle sue opere cio' che non e' stato espresso dalla pittura greca del XIX secolo.
Attualmente la maggior parte delle opere di Teofilo sono esposte al Museo Teofilo di Varia, uno dei migliori musei darte della Grecia, in quella che fu la sua casa natale, dove in cinque sale sono esposti 86 dei suoi dipinti, mentre altri 37 si trovano al Museo Teriade, sempre a Lesbo. Ma altri suoi dipinti si possono ammirare al Museo dellArte Popolare Greca che si trova ad Atene alla Plaka, in Kidathinaion 17, (aperto dal martedi alla domenica, dalle 10 alle 14 - tel. 3229031). In questo museo infatti, al secondo piano, e stata ricostruita una tradizionale casa di villaggio decorata con dipinti di Teofilo. Infine molti suoi affreschi sono visibili nei luoghi dove egli visse, per esempio nella piazza centrale di Kontos (Anakasia di Volos), presso Makrinitsa, nel Pelio, in un palazzo del 18 sec. che ospita un Museo Teofilo (aperto dal lunedi al venerdi, dalle 8 alle 14, ingresso libero) con affreschi del pittore risalenti al 1912.
La Grecita' di Teofilo consiste da una parte nella sua capacita' di rendere con i mezzi piu' semplici la luce del suo Paese, latmosfera e il paesaggio greco, dallaltra nei suoi temi che dimostrano che egli sente la tradizione greca come una sequenza ininterrotta. Disprezzato e beffeggiato allinizio, la sua arte sara in seguito riconosciuta e Teofilo sara' indicato come maestro di Grecita' in arte, caso unico nella Pittura Greca moderna.
L Associazione Culturale Casa di Teofilo di Lesbo e' impegnata a far conoscere in tutto il mondo lopera di questo grande pittore.
Per concludere, ricordiamo il film del regista Lakis Papastathis Theophilos, che e' stato premiato quale Miglior Film, Miglior Attore e Migliori Costumi al Festival del Film di Salonicco nel 1987.