Stampa

Mondiale in salita per la Grecia, ma quante colpe ha Santos

Scritto da Enrico Filotico on . Postato in News

Se il buongiorno si vede dal mattino, quella in Brasile non sarà un’avventura memorabile per i ragazzi di Fernando Santos.  Spazzati 3-0 all’esordio mondiale, gli ellenici hanno messo in luce tutti i limiti di una rosa che non ha voluto rischiare lo svecchiamento, preferendo  gli eroi della magica avventura portoghese che li incoronò campioni d’Europa.

Discutibili le scelte del tecnico che ha schierato dal primo minuto Katsouranis, eroe di quegli europei, preferendolo a Fetfatsidis che quest’anno tanto bene aveva fatto con la maglia rossoblù del Genoa. 
 
E’ giusto raccontare però una partita in cui la Grecia si è schiantata contro una squadra fortissima che fa leva su alcuni giocatori al centro del mercato di grandi club, su tutti l’ala viola Guillermo Cuadrado, rebus irrisolto di Josè Holebas. Risultato sicuramente bugiardo che ha punito la rappresentativa ellenica oltre i suoi reali demeriti, dimostrando come l’assenza di Kostas Mitroglou sia un lusso che Santos non si può permettere. Il portiere colombiano Ospina ringrazia infatti per la clamorosa occasione fallita dal suo sostituto, il 34enne Theofanis Gekas perfettamente imbeccato da Torosidis, sicuramente migliore in campo tra i suoi. 
 
Il resto è storia, i valori sono venuti a galla e la squadra di Josè Pekerman ha fatto leva sui suoi grandi nomi. A segno dopo solo 5 minuti Pablo Armero, ex Napoli, che ha sfruttato una palla messa in mezzo da Cuadrado, in rete anche Teofilo Gutierrez e James Rodriguez. La prossima sfida vedrà la Grecia affrontare il Giappone venerdì prossimo, in una gara che ha già il sapore di dentro o fuori per entrambe le squadre. 
 

 

 

 

Comments: