Stampa

Festa nazionale greca, Albano e Pino Aprile a Brindisi

Scritto da Enrico Filotico on . Postato in Culture

Una serata nel nome della storia passata. Dalla nascita di Bisanzio, ultimo baluardo della cultura ellenica gelosamente preservato dai romani, fino ai moti rivoluzionari falliti condotti dall'ufficiale maggiore dell'esercito russo Alessandro Ypsilantis per l'indipendenza dei greci nei principati danubiani. Il 25 marzo i greci festeggiano però, dall'altra parte del Mediterraneo è un giorno speciale.
Alla morte dei rivoluzionari del Danubio infatti il Peloponneso esplose, fu il lontano 25 marzo del 1821 che fece entrare la piccola località di Calavrita nei libri di storia. L'indipendenza dell'Ellade passa da centinaia di migliaia di vita sacrificate, da battaglie fisiche ed ideologiche che hanno contribuito a riempire gli annali dell'epoca e si suggella in un giorno tutt'altro che comune ai piedi dell'Olimpo: il 25 marzo i greci festeggiano l'Annunciazione, tra le più importanti feste religiose del paese. 
 
Il museo archeologico di Brindisi in questo giorno così speciale ha deciso di ospitare quattro esperti di cultura ellenica, ognuno con un bagaglio culturale pronto a soddisfare la sete di conoscenza dei presenti. Sotto l'attenta direzione d'orchestra di Ioannis Davillis, i relatori hanno effettuato un viaggio di oltre 300 anni di mutamenti e innovazioni. Ospiti della serata il celebre cantante Albano e il giornalista Pino Aprile. (clicca qui per tutte le foto)
 
Non solo storia però, come di consueto accade Grecia diventa sinonimo d'Europa. Incalzante il discorso di Aprile, ex vicedirettore di Oggi, che quando arriva il momento di puntare il dito contro i responsabili della crisi ellenica si rivolge a tutti: Grecia, certo, ma anche tante responsabilità ricadono su Germania, America, Russia e tutte le altre super potenze del mondo. Una serata emozionante suggellata dalla collaborazione assolutamente spontanea di Al Bano Carrisi, cantante salentino, amico di Pino Aprile e testimonial per la difesa del tacco d'Italia, troppo spesso dimenticato dalla politica interna e dalla politica estera, vedere Mare nostrum per credere.
Charoúmena genéthlia Elláda.

 

 

 

Comments:

Mondogreco sui Social Media

seguici su questi network

facebook twitter google+