Stampa

Così il governo greco prova a salvare traghetti e turismo (ai tempi del Covid)

Scritto da Redazione on . Postato in Crisis

La Grecia non può permettersi di perdere turisti e viaggiatori per colpa del Coronavirus. Questa la base di partenza dell'azione governativa incentrata sul piano per traghetti e marittimi.

 

Mascherina obbligatoria e posti ridotti in cabine e saloni. I traghetti in Grecia, fondamentali per orientare i flussi turistici verso le isole e le mete continentali, sono stati oggetto di un'analisi da parte del comitato tecnico che affianca il Governo di Atene nella gestione della pandemia.

E'stato infatti raggiunto un accordo tra il Ministero delle spedizioni e l'Associazione delle compagnie marittime passeggeri (SEEN) sulle misure da applicare per non perdere i flsusi di passeggeri e merci.

Il piano elaborato è stato approvato con lievi modifiche in alcune questioni principalmente tecniche, in una riunione tenutasi oggi tra le tre parti. Si potranno occupare il 50% dei posti nei traghetti, con un solo passeggero per cabina (tranne i nuclei familiari di massimo 4 persone). Le mascherine saranno obbligatorie a bordo e prima di salpare tutti i passeggeri dovranno compilare un questionario sanitario.

 

 

twitter@mondogreco

Comments:

Mondogreco sui Social Media

seguici su questi network

facebook twitter google+