Stampa

Cipro sbotta con l'Onu: basta incursioni aeree turche

Scritto da Paolo Falliro on . Postato in Kosmos

Basta con le incursioni aeree turche. La protesta giunge dalla voce di Nicos Emiliou, rappresentante permanente di Cipro alle Nazioni Unite. In una missiva indirizzata al segretario generale dell'Onu, Ban Ki-moon, condanna le violazioni dello spazio aereo nazionale e delle acque territoriali della Repubblica di Cipro da parte della Turchia. 
Secondo quanto riportato dai media di Nicosia, nella lettera, vengono riportate anche tutte le violazioni dei regolamenti sul traffico aereo internazionale e le violazioni dello spazio aereo nazionale da parte dei velivoli di Ankara, oltre allo sconfinamento da parte di navi da guerra turche, durante il mese di febbraio 2016. Secondo il report i turchi hanno anche usato, sistematicamente e illegalmente, gli aerei commerciali dell'aeroporto illegale di Tympou
 
Una situazione di assoluta fibrillazione che però Bruxelles ignora. Tra l'altro un anno fa c'era stata la questione delle intromissioni della nave oceanografica turca Barbaras nella Zee di Cipro, stato membro dell’Ue ma la cui zona settentrionale è dal 1974 occupata da 50mila militari turchi.
Nicosia ha dal 2013 raggiunto un accordo con Tel Aviv per lo sfruttamento congiunto del gas presente sotto le proprie acque, ma la Turchia avanza pretese su quel gas che nessuna legge le dà. Contribuendo a far accrescere la tensione in quel fazzoletto di mare.

 

 

 

Comments:

Mondogreco sui Social Media

seguici su questi network

facebook twitter google+