Stampa

Che succede ai rincari dell'energia? De Palo su Radio Ert

Scritto da Redazione on . Postato in Politikì

“L'aumento dell'energia elettrica, del gas e del petrolio fa parte di un complesso di fattori, europei, internazionali e geopolitici che si sono verificati nell'ultimo biennio. Non solo il Covid, ma anche le crisi internazionali e le politiche dell'UE hanno giocato un ruolo”. Così il Direttore di Mondogreco, Francesco De Palo, intervistato oggi dalla radio di stato greca ERT, da Thomas Sideris (Proto Programa, qui il link)

 Secondo De Palo il rezzo dell’energia sta salendo a causa dell'andamento delle aste di anidride carbonica in Europa, del costo dell’energia elettrica all’ingrosso ai massimi storici e delle scorte di gas risicate a poche settimane dall'inverno.

“Al momento il greggio e il gas naturale continuano ad aumentare e si mantengono entro l’area di massimo relativo raggiunta nelle scorse sessioni. Sebbene l’OPEC+ abbia deciso di continuare ad incrementare la produzione di greggio, gli investitori restano concentrati sulla debolezza del dollaro. Ma la crisi è mondiale: non dimentichiamo che l'Inghilterra ha varato il suo massimo aumento delle tasse da 70 anni ad oggi e che le scorte di gas sono ai minimi dal 2013”.

E aggiunge: “In Italia il rincaro dell'energia è scattato dal 1° luglio ma con un decreto da 1,2 miliardi il Governo Draghi ha contenuto l’aumento che sarebbe stato molto oltre il 20%. Il nodo inoltre è anche geopolitico, oltre che legato alla pandemia: il dossier gasdotti sta influendo moltissimo, al pari della crisi afgana che certamente non porta stabilità tra investitori e cancellerie. Senza dimenticare un altro fattore: le aste europee per la CO2 sono ai massimi storici. Ecco, l'attuale situazione rappresenta l'icona degli errori dell'Ue: non aver programmato, con lungimiranza ed efficienza, mosse e contromosse”.

 

 

Comments: