Stampa

In Chiesa con il tampone, così la Grecia prova a fermare i contagi

Scritto da Raffaele de Pace on . Postato in Politikì

I 5.600 casi di Covid fatti registrare due giorni fa hanno suonato l'allarme in Grecia: solo il 63% della popolazione è vaccinato, con aumenti di ricoveri in terapia intensiva. Anche per questa ragione le istituzioni si stanno mobilitando per una serie di iniziative di prevenzione. Il Santo Sinodo invita i non vaccinati a recarsi in Chiesa con un test negativo.

La Circolare è stata emanata dopo la comunicazione della Presidenza del Consiglio dei Ministri alla Gerarchia della Chiesa, in cui ha sottolineato che il governo "non ha gettato la spugna" ed è per questo che è stato annunciato un quadro coerente per quanto riguarda la terza dose, la campagna di vaccinazione e l'aumento dei test sui non vaccinati.

Il premier nei giorni scorsi ha inoltre chiarito che il governo non insisterà sull'obbligo di vaccinazione per alcune categorie di dipendenti pubblici, come la polizia. In Grecia sono stati effettuati in pochi giorni più di 60.000 nuovi appuntamenti per le prime vaccinazioni e il flusso per la 3a dose di richiamo è stabile, circa 30.000 appuntamenti al giorno.

“Vi ricordo – ha aggiunto Mitsotakis parlando con i ministri - he lo scorso dicembre solo il 33% dei nostri adulti ha affermato che sarebbe stato sicuramente vaccinato, mentre 11 mesi dopo, è stato vaccinato il 73% degli adulti greci. Lo dico perché di fronte alla paura e alle facili critiche, c'è un'altra Grecia, che risponde al richiamo della ragione, risponde alla politica della persuasione e nega i negazionisti della verità, così come i negazionisti dell'alleanza contro una sfida nazionale".

@mondogreco

 

 

Comments:

Mondogreco sui Social Media

seguici su questi network

facebook twitter google+