Stampa

Imbarazzo Fillis: il ministro nega il genocidio dei greci del Ponto

Scritto da Raffaele de Pace on . Postato in Politikì

Una dura escalation di reazioni è stata provocata dalle  dichiarazioni del ministro dell'istruzione di Atene Nikos Fillis, secondo cui non ci sarebbe stato un genocidio dei Ponti da parte dei turchi ma una "semplice " pulizia etnica. Per questo 45 deputati di Nea Dimokratia hanno firmato una dura lettera con cui chiedono le sue dimissioni.
 
Nella missiva i parlamentari conservatori sostengono che Filis faccia propaganda turca per "rimasticare le posizioni turche kemaliste" e offrire loro "da perfetto ambasciatore un buon servizio". Sottolineano che si tratta di parole che causano sdegno e gettano discredito sulle sorti subite da tutti quei cittadini greci che hanno perso la vita per mano della barbarie ottomana.
 
Il governo per tutta risposta per il momento difende il ministro della Pubblica Istruzione. Ambienti governativi sostengono che "essa è la posizione del Parlamento sulla questione del genocidio dei Ponti, tuttavia, ognuno ha il diritto di esprimere opinioni personali".
 

 LEGGI QUI IL COMMENTO DEL DIRETTORE DI MG

 

 

Comments:

Mondogreco sui Social Media

seguici su questi network

facebook twitter google+