Stampa

Cipro, contrabbandiere turco inchiodato dal tribunale di Monaco

Scritto da Redazione on . Postato in Teknes

La Corte d'Appello di Monaco ha stabilito il ritorno alla Repubblica di Cipro di 34 preziosi reperti che sono stati rubati da un contrabbandiere turco dalle aree occupate a Cipro dai turchi stessi e che sono stati ritrovati dalla polizia tedesca nei suoi appartamenti a Monaco nel 1997. Il rimpatrio delle reliquie sarà completato in circa un mese.
Si tratta di 34 pezzi molto preziosi, tra cui frammenti di pitture murali delle chiese, icone, un manoscritto a mano di un vangelo del 18 ° secolo della comunità armena di Cipro e dieci antichità preistoriche: furono rinvenute nel 1997 in possesso del contrabbandiere Aydin Dikmen. Altri 173 reperti trovato in possesso di Αydin Dikmen a Monaco di Baviera sono già stati rimpatriati a Cipro.
 
Nel corso dell'occupazione turca che dura in loco a Cipro nord dal '74, tutti i luoghi di culto non musulmani (maroniti, ameni, cattolici, ortodossi, ebraici) sono stati rasi al suolo come alcuni cimiteri addirittura o trasformati in bordelli, resort a 5 stelle o stalle per greggi.
Secondo quanto diffuso dalla Rappresentanza della Chiesa di Cipro nell'Unione europea, la Corte ha stabilito che i restanti 49 pezzi, per lo più icone in stile russo e antichità preistoriche, non saranno restituite al contrabbandiere turco dal momento che la Repubblica di Cipro ha già chiesto una vendita all'asta attraverso canali legali.
 
"Tutte le reliquie saranno rivendicate e recuperate dalla Repubblica di Cipro senza pagamento in quanto il contrabbandiere turco deve già la Repubblica un importo superiore 500.000 euro," si legge nella nota. Il capo della Rappresentanza della Chiesa di Cipro nell'Unione europea, Vescovo Porphyrios di Neapolis, ha detto che la lotta non è finita e che gli sforzi continueranno. 

Comments:

Mondogreco sui Social Media

seguici su questi network

facebook twitter google+